Fare  arte  oggi

Politica & Diritti

Artisti con me – omaggio  a Leonardo  22-30 giugno 2019. Museo delle antiche genti di lucania

VAGLIO BASILICATA (Pz) – Tra pochi  giorni prenderà  il  via  una nuova esperienza espositiva dei LIBERI Artisti con me. Non un associazione culturale ne Gruppo sancito da regole, ma sull’esempio di grandi movimenti artistici, Bauhaus  in testa(scuola artistica/architettonica  attiva in Germania dal 1919 al 1933) solo aggregazione di artisti indipendenti, autonomi, liberi di esprimersi. Nessun capo, un riferimento e coordinamento, ma  non altro.  Ed  ecco  che nasce spontaneamente un connubio tra varie forme  e modi di fare arte  ARTISTI  VARI  5 lucane  ARTEMISIA, FRANCESCA CIRIGLIANO, MARIA GIOVANNA LAURITA, MEDEA, MINA LAROCCA e 5 pugliesi  GIUSY RIZZI, MARCELLO RIZZO , ROBERTO CAPRIUOLO,VITO VALENZANO e  la partecipazione del M.ro MIMMO MILANO,4 fotografi di  provenienze eterogenee FABRIZIO GUIDA, FAUSTINO TARILLO, MARCO IORIO, MICHELE LOTITO, POETI E SCRITTRICI (anche artisti stessi) DONATO TAMBONE, MADDALENA TIBLISSI,MARIA CATALANO, ROBERTO CAPIUOLO.

Perchè questi ? perché selezionati? Perché il coinvolgimento in una rivista prestigiosa del settore ? la mostra era in itere già da marzo/aprile, valutando alcune cose.  Sono una storica e critica d’arte, ho decenni  di esperienza su vari fronti , ho  mie  precise idee che difendo spesso, perché sono ostinata, perché ho acquisito risultati.  Ed   ecco una selezione, o meglio una autoselezione dei partecipanti realmente motivati.  Questa, seppur collettiva, da più ampio respiro alle opere  esposte.  Spingere realmente un artista verso il successo, significa dargli spazio e visibilità in un ambiente di prestigio, far si che affluiscano, oltre che curiosi, critici, giornalisti, operatori del settore. Che  si sviluppino contatti, approcci vari, si stringano  rapporti  nuovi, si  consolidino amicizie.  Proprio in questi giorni ho letto una frase  che mi ha  colpito “Il vero  artista  non è colui che rosica vedendo le  opere altrui, ma colui che guarda, apprende e cerca di migliorarsi “.

Infatti  ritengo che se si vuole promuovere e spingere veramente  qualcuno verso il successo sia poco produttiva una collettiva con 20-30-50, a volte più  artisti, magari con una sola opera, magari neppure esaustiva. A  meno che non si tratti di una Fiera d’Arte , di una  Biennale o altro a largo  raggio, dove gli spazi e il livello espositivo sono ben diversi.

In queste occasioni, poi, evitare interventi tediosi, non annoiare il pubblico, ma focalizzarsi  sugli artisti, parlare degli artisti, presentare gli artisti.

Far intervenire personalità del settore, critici, giornalisti , veri e propri talent-scout.

Una location di reale prestigio artistico è poi fondamentale, con  auditorium e spazi ampi  e diversificati.  Cosi  come è importante ,una volta formata una squadra vincente, ma non rigidamente fissa, spostare le opere in  altri spazi e realtà in altre provincie o regioni, favorire l’approccio e la conoscenza, sempre.

Ed ecco partiamo dal  MUSEO DELLE ANTICHE GENTI DI LUCANIA per poi spostarci a Bari , Gioia del Colle, ed altro.  Il Museo di  Vaglio Basilicata, una bella struttura  che ospita in diverse ali sia  reperti archeologici , provenienti dalle vicine  aree archeologiche di SERRA DI  VAGLIO  e AREA SACRA DEL TEMPIO DI  ROSSANO, con la  ricostruzione fedele anche di alcuni ambienti dell’antica  civiltà, capitale della Lucania, risalenti  dall’VIII sec. A.C. in poi.  Vaste sale che ospitano  ben 75 delle macchine ideate da Leonardo da Vinci, Codici e ,in una sala a parte, l’AUTORITRATTO LUCANO, una  tavola ritrovata, anni fa  nell’area lucana, poi studiata, esaminata e infine autenticata, che ha suscitato una notevole eco ed è  stata esposta nei più importanti musei del mondo  dal Prado al British museum, agli Stati Uniti e Città del Capo .

Un vasto spazio e  strutture per ospitare Arte Contemporanea.

Un vasto parco , sorvegliato, per estemporanee o installazioni.

Non tutti saranno del mio stesso parere, ma la mia esperienza come Storica e critica, gallerista, direttrice di Fiere d’arte, Dirigente sindacale dell’ SNC  (Sindacato Nazionale Creativi) nella quale affiancavo personalità quali  Franz Borghese, Francesco  Grisi, Aldo tirone, Rocco  Barocco, Daniela Romano, ed altri  molto più esperti e navigati di me , mi ha portato ad  apprendere alcune  cose sostanziali. Prima  fra  tutte di non mollare mai, il giorno  che ti assenti, per qualsiasi motivo, dalla  scena artistica, sei  OUT.

Purtroppo  mi è successo, seri problemi di salute, ma la pietas, non è contemplata in un mondo di  forti.  Allora?  Leccarsi le ferite e riprendere, come e più di prima, ma con l’esperienza acquisita e perciò  fare  cose  estremamente  mirate, che siano realmente una  Vetrina produttiva, quale una qualsiasi mostra o collettiva dovrebbe essere.

Maria Catalano Fiore