Arte, Cultura & Società

Narconon “Il Gabbiano”: 30 anni di attività e di vite riabilitate

MELENDUGNO – Ieri, 9 settembre, il centro Narconon Gabbiano di Torre dell’Orso ha celebrato 30 anni di attività nella riabilitazione e prevenzione delle dipendenze, in un’atmosfera di gioia e partecipazione.

Più di 300 persone erano presenti alla festa: autorità locali, genitori degli ospiti del centro e moltissimi amici venuti da tutta Italia a rendere omaggio a chi ha contribuito a salvare la loro vita, grazie al programma Narconon, applicando con perseveranza le metodologie riabilitative del filosofo L. Ron Hubbard.

Gaetano Prisco, direttore del centro, ha voluto ringraziare tutti i partecipanti per aver sostenuto il “Gabbiano” con solidarietà, permettendo ai suoi operatori di svolgere serenamente il loro impegno gravoso nel salvare vite dalla droga.

Uno speciale encomio è stato consegnato a due mamme di ex ospiti che avendo risolto il problema droga per i loro figli, si sono fatte carico di altri ragazzi meno fortunati, convincendoli a intraprendere il percorso della riabilitazione presso il Narconon salentino.

La manifestazione si è conclusa con lo spettacolo “Stupefatto”, messo in scena dalla compagnia teatrale Itineraria: la storia di una piccola trasgressione giovanile che si trasforma in una dipendenza infernale. Enrico Comi, dalla cui autobiografia è tratta l’opera, ha svolto il programma Narconon negli anni ’80, testimonia in teatro come dalla droga ci si può riabilitare completamente.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button