Principale Economia & Finanza La Russia blocca gli scambi di dollari ed euro alla Borsa di...

La Russia blocca gli scambi di dollari ed euro alla Borsa di Mosca

La Russia ha sospeso le negoziazioni di tutti gli strumenti regolati in dollari statunitensi ed euro sui mercati azionari, obbligazionari, monetari e dei derivati ​​OTC della Borsa di Mosca (MOEX) a causa delle nuove sanzioni statunitensi sulla guerra della Russia in Ucraina. L’exchange continuerà ad operare in altre valute, in primis lo yuan, ma ciò dipenderà dal comportamento delle grandi banche cinesi. Se si rifiutano di collaborare con la Borsa di Mosca, NCC e NSD sanzionate, anche il commercio di cambio in yuan diventerà impossibile. Quindi l’unico modo per vendere e acquistare valuta (ad esempio, nel quadro della regola di bilancio) potrebbe essere un sistema di banche autorizzate: la Banca Centrale vende yuan a una delle banche speciali non sanzionate, e poi commercia ulteriormente. Un sistema simile funzionava nel mercato dei cambi negli anni ’90.

La Russia blocca gli scambi di dollari ed euro alla Borsa di Mosca

La sospensione ha influenzato il commercio estero e di metalli preziosi, mentre il mercato dei derivati con rubli e altre valute rimane inalterato, con gli scambi che si svolgeranno normalmente. La Banca Centrale russa ha approfondito la questione in una dichiarazione separata, spiegando che i tassi di cambio ufficiali per le due valute si baseranno ora su “documenti bancari e informazioni derivanti dal commercio digitale fuori borsa”, cioè si baseranno ora sui dati delle negoziazioni over-the-counter, dove le transazioni avvengono direttamente tra le parti, cosa che potrebbe limitare la liquidità e portare a una maggiore volatilità.  Le sanzioni, annunciate dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti il ​​12 giugno, prendono di mira “l’infrastruttura finanziaria fondamentale del paese e l’accesso al sostegno di paesi terzi” mentre la Russia completa la sua transizione verso un’economia di guerra totale. Già nella prima fase, dopo la prima tornata di sanzioni, i gestori patrimoniali, tra cui Liontrust, JP Morgan Asset Management, Franklin Templeton e Pictet, hanno sospeso e poi svalutato i loro fondi russi; mentre il congelamento dell’indice MSCI su tutti i titoli russi ha visto crollare gli ETF, con BlackRock che ha chiuso i suoi fondi negoziati in borsa MSCI Russia da 18 milioni di dollari e 108 milioni di dollari dell’Europa orientale. Le sedi hanno cessato le attività commerciali, con le borse europee tra cui LSE, Euronext, Nasdaq e Deutsche Borse che hanno interrotto le negoziazioni e le CCP come Euroclear e Clearstream che hanno interrotto il regolamento dei titoli russi. Tuttavia, il nuovo congelamento delle negoziazioni in euro e dollari sul mercato dei derivati ​​OTC standardizzato di Mosca potrebbe avere un impatto maggiore. Le persone fanno trading, in condizione di anonimato. Esiste un enorme mercato OTC che cerca di assumere posizioni congelate con uno sconto enorme.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.