Principale Arte, Cultura & Società Cinema & Teatro Un Rigoletto da tutto esaurito con la magica direzione di Renato Palumbo

Un Rigoletto da tutto esaurito con la magica direzione di Renato Palumbo

BARI – Anche noi, abbiamo assistito ieri allo spettacolo del RIGOLETTO di Verdi, con la discreta ed essenziale regia di John Turturro, e la direzione praticamente perfetta di Renato Palumbo a capo dell’eccellente Orchestra del Teatro Petruzzelli di Bari, con il Coro maschile sapientemente preparato da Andrea Medved.
Uno spettacolo che si fa seguire con intelligenza e attenzione, pur tra mille interruzioni, dovute a colpi di tosse inenarrabili. Sembra che il Covid sia tornato in modo preoccupante a giudicare dal pubblico numeroso e fisicamente mal messo. Buona la compagnia di canto con un ottimo Rigoletto di Giorgio Petean, baritono rumeno dalla plastica vocalità e dalla sensibile pasta sonora e una divina Gilda, quella della tarantina Giuliana Gianfaldoni, capace di arditi filati e ottime mezze voci, nel primo e nell’ultimo atto applauditissimi.
La storia di Rigoletto è così nota che non ci sprecheremo a raccontare la triste storia di un buffone di corte e della figlia messi in mezzo al gioco di una tragica sventura. Solo discreta la prova del Duca di Mantova, il giovane tenore Valerio Borgione, che si è disimpegnato con serenità nelle celebri arie della serata.
Tanti e calorosissimi applausi per Renato Palumbo, che ha diretto a memoria e con grande abilità la partitura verdiana. Alla prossima.
Alessandro Romanelli

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.