Principale Italpress news Mattarella “Contrastare lo sfruttamento del lavoro minorile”

Mattarella “Contrastare lo sfruttamento del lavoro minorile”

ROMA (ITALPRESS) – “L’art. 32 della Convenzione sui dirittidell’infanzia e dell’adolescenza riconosce il diritto di ciascunbambino a essere protetto dallo sfruttamento economico e daqualsiasi lavoro pericoloso. L’Unione europea ha sviluppatoopportunamente iniziative tese alla applicazione di questiprincipi, con i recenti provvedimenti che responsabilizzano leimprese lungo tutta la catena del valore e impongono il divieto di commercializzazione di beni realizzati con il lavoro forzato, a maggior ragione quello che impiega bambini. Il contrastoall’abbandono scolastico – fenomeno presente anche nel nostroPaese – costituisce un importante argine allo sfruttamento dellavoro minorile”. Così, in una nota, il presidente dellaRepubblica, Sergio Mattarella. “Le guerre e la povertà strappanole bambine e i bambini alla vita, obbligandoli ad abbandonare la scuola per forme di lavoro ignobili, molto spesso illegali e clandestine, sottraendo loro l’infanzia, compromettendo in modo irreversibile il loro sviluppo psico-fisico e il loro futuro. Tra i migranti sono tanti i minori non accompagnati che rischianodi diventare forza lavoro fantasma – prosegue il capo dello Stato -, di svolgere mestieri inconciliabili con la loro età o addirittura di sparire nell’illegalità sotto gli occhi di quelle comunità a cui si sono affidati abbandonando le loro terre di origine. Per eliminare le cause profonde del fenomeno e proteggere i diritti dei fanciulli è necessario un approccio che coinvolga governi, organizzazioni, imprese, comunità e individui, per un ambiente in cui le bambine e i bambini possano crescere sani, istruiti e liberi, senza correre il rischio di essere privati della loro età”, conclude Mattarella.(ITALPRESS).– Foto: Quirinale –

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.