Principale Arte, Cultura & Società Presentato a Taranto “La bambina invisibile” di Alessia Nobile

Presentato a Taranto “La bambina invisibile” di Alessia Nobile

Presentazione La Bambina Invisibile

Presentato a Taranto “La bambina invisibile” di Alessia Nobile

La barese Alessia Nobile è la prima in Puglia ad aver ottenuto, nel 2006, il cambio anagrafico di sesso senza esser costretta a sottoporsi a un intervento di riassegnazione chirurgica del sesso.

Il suo è stato un percorso di consapevolezza che ha voluto raccontare nelle pagine de “La bambina invisibile”, volume che la stessa Alessia ha avuto modo di donare recentemente in Vaticano a Papa Francesco in Vaticano, una storia, la sua, trascorsa ad affrontare la cattiveria, figlia dell’ignoranza delle persone, oltre al discredito sociale sulla comunità LGBT+.

In occasione del TDoV – Giornata internazionale della visibilità transgender, il CEST (Centro Salute Trans e Gender variant), in collaborazione con l’Associazione TGenus e con il patrocinio del Comune di Taranto e del CSV Taranto ETS, ha presentato il libro di Alessia Nobile “La bambina invisibile”, evento tenutosi presso il Mudit.

L’incontro, moderato dal Presidente CEST Michele Formisano, è stato aperto da Francesco Riondino che ha ringraziato il CEST per aver organizzato questo evento che ha rappresentato un momento di profonda riflessione sul rispetto nei confronti della comunità LGBT+, nonché un’occasione per molte persone di poter portare la testimonianza del loro vissuto.

Parole di elogio condivise nel suo intervento dall’Assessora ai Servizi Sociali e Integrazione del Comune di Taranto, Gabriella Ficocelli, che ha definito la serata “interessante, partecipata e ricca di spunti per riflettere sulla vision inclusiva dell’Amministrazione Melucci”.

Oggi la barese Alessia Nobile è una donna transgender, ma questa definizione è solo uno stigma sociale che distorce e cela un mondo di emozioni nascoste nel dualismo più ancestrale, quello tra corpo e anima.

Di questa scissione e delle sue conseguenze ci parla Alessia nel suo libro “La bambina invisibile”, partendo dalla sua infanzia in cui emerge la consapevolezza che il suo involucro da bambino è solo un’illusione ottica, perché la sua è un’anima femminile, alla sua adolescenza in lotta tra la solitudine e il desiderio di riprodurre una qualche forma di normalità, dalla costruzione metodica e riflessiva di una identità che non ammette tradimenti conformistici alla transizione che, oltre a sgretolare rapporti familiari e sociali, le nega ogni possibilità lavorativa.

Alessia deve rifondare ogni giorno la sua vita e sulla sua strada incontrerà la diafana solitudine di ragazze fragili e il calore empatico di Don Gallo, la tenerezza del gesto infantile di un uomo qualunque e la cattiveria generata dall’ignoranza.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

Stampa Parlamento

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

CAPTCHA ImageChange Image

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.