Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Liberi di crescere pubblicato l’avviso per manifestazioni di interesse

Liberi di crescere pubblicato l’avviso per manifestazioni di interesse

Foto LaPresse - Vince Paolo Gerace 15/10 /2018 - Milano (MI) Cronaca Viaggio Carcere San Vittore Nella foto Polizia carceraria nel Carcere di San Vittore in occasione del viaggio delle carceri italiane

BARI – Liberi di crescere_pubblicato l’avviso per manifestazioni di interesse per la co-progettazione di interventi a sostegno di minori figli di detenuti

L’assessorato al Welfare rende noto che è disponibile sul sito istituzionale del Comune di Bari, Sezione Bandi e Concorsi / Altri avvisi, a questo link, l’avviso per la raccolta delle manifestazioni di interesse a presentare richieste di partenariato con il Comune nell’ambito del bando “Liberi di crescere. Interventi volti alla promozione dei diritti dei figli di genitori in stato di detenzione”, pubblicato dall’impresa sociale Con i Bambini (Soggetto attuatore del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile” Legge 28 dicembre 2015 n. 208 articolo 1, comma 392).

L’avviso, rivolto a enti e organismi del Terzo settore, si propone di promuovere processi di crescita e di integrazione sociale dei minorenni figli di detenuti e di garantire la continuità del legame affettivo con i genitori che vivono la condizione detentiva, arginando gli effetti negativi prodotti dalla separazione all’interno del contesto familiare.

I progetti, pertanto, dovranno assicurare l’accesso a significative opportunità di socializzazione e di integrazione ai minorenni con almeno un genitore detenuto, attraverso percorsi di accompagnamento socio-educativo, di inclusione scolastica ed extra-scolastica, di costruzione di progetti di sviluppo personale, che, se adeguatamente sostenuti da agenzie educative competenti, possano ridurre l’impatto negativo che l’esperienza detentiva della madre e/o del padre esercita sul loro processo di crescita.

“I minori figli di detenuti vivono una condizione oggettiva di difficoltà – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -, che rischia di incidere in modo indelebile sul loro sviluppo emotivo e cognitivo, con effetti negativi sulla socialità e sul percorso di studi, aumentando il rischio che possano entrare in contatto con circuiti dell’illegalità. Con questo avviso ci rivolgiamo perciò ai soggetti del terzo settore attivi sul nostro territorio, interessati a progettare insieme al Comune di Bari interventi e azioni innovative a sostegno di questi bambini e ragazzi, per aiutarli a crescere immaginando un futuro  migliore”.

Le richieste di partenariato dovranno essere corredate da una scheda di proposta progettuale, elaborata a cura del soggetto proponente, che contenga informazioni sulla rete progettuale, i contenuti degli interventi da porre in essere, nonché espressa indicazione del territorio sul quale gli stessi si realizzano e del ruolo e funzioni che si intendono proporre al Comune di Bari, che interverrà come partner senza gestione di budget.

Le proposte dovranno pervenire esclusivamente tramite PEC all’indirizzo serviziallapersona.comunebari@pec.rupar.puglia.it entro le ore 12 del prossimo 1 febbraio.

Qualora alla scadenza dell’avviso siano pervenute più manifestazioni di interesse coerenti con le finalità del bando, l’assessorato al Welfare  valuterà in modo preferenziale i progetti coerenti con quanto previsto dal Piano Sociale di Zona e con i programmi e progetti già in essere.

Per ulteriori informazioni e richieste scrivere a: segreteriawelfarebari@comune.bari.it.

Attraverso il bando “LIBERI DI CRESCERE. Interventi volti alla promozione dei diritti dei figli di genitori in stato di detenzione” emanato dall’Impresa Sociale Con i Bambini Soggetto attuatore del “Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile”, la Fondazione Con i Bambini.Tali effetti si riversano sugli equilibri emotivi e relazionali e sullo sviluppo dei figli, portando a possibili ricadute negative sulla salute e sullo sviluppo cognitivo, sul sereno e regolare accesso ai percorsi scolastici e sulla tendenza a entrare nei circuiti dell’illegalità.

Il bando ha l’obiettivo di promuovere un sano processo di crescita e di integrazione sociale dei minorenni figli di detenuti e di garantire la continuità del legame affettivo con il genitore detenuto.

I progetti finanziati dovranno assicurare l’accesso a eque e significative opportunità di socializzazione e di integrazione ai minorenni con almeno un genitore detenuto, mediante percorsi di accompagnamento socio-educativo, di inclusione scolastica ed extra-scolastica, di costruzione di progetti di sviluppo personale, che, se adeguatamente sostenuti da agenzie educative competenti, possano ridurre l’impatto negativo che l’esperienza detentiva della madre e/o del padre esercita sul loro processo di crescita.

Chi può partecipare

Enti e organismi di Terzo settore cui si applicano le disposizioni del D.Lgs. 117/2017 (cosiddetto “Codice del Terzo Settore”) in possesso delle caratteristiche specifiche di cui al punto 2.1 così come il partenariato deve possedere specifici requisiti previsti al punto 2.2. del Bando Liberi di Crescere pubblicato il 10 novembre 2022 dall’Impresa sociale CON I BAMBINI cui si rimanda per attento esame.

Non è previsto l’utilizzo di risorse a valere sul bilancio della Città di Bari.

Le richieste di partenariato dovranno essere corredate di scheda di proposta progettuale elaborata a cura del soggetto proponente, recante, quale contenuto minimo, informazioni sulla rete progettuale, i contenuti delle azioni e degli interventi, nonché espressa indicazione del territorio sul quale gli stessi si realizzano, esplicitazione del ruolo e funzioni che si intende proporre alla Città di Bari che interverrà come partner senza gestione di budget.

Qualora pervengano più manifestazioni di interesse, coerenti con le finalità del bando, la Città di Bari  valuterà in modo preferenziale quei progetti consoni con quanto previsto nel vigente Piano Sociale di Zona e con i programmi e progetti in essere nel Comune di Bari.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.