Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli ‘Il dio del massacro’ al Teatro Radar

‘Il dio del massacro’ al Teatro Radar

Sconfinamenti. ‘Il dio del massacro’ al Teatro Radar

I conflitti familiari al centro della commedia di Yasmina Reza con Michele Cipriani, Arianna Gambaccini, Saba Salvemini e Annika Strøhm

14 e 15 gennaio – Via Magenta 71, Monopoli

Dopo un litigio tra i rispettivi figli, due coppie di genitori si incontrano per  risolvere  l’accaduto  in  modo  adulto  e  pacifico, ma niente andrà come previsto. È il prologo da cui muove Yasmina Reza per regalare un impietoso, per quanto ironico, ritratto delle relazioni familiari ne Il dio del massacro (produzione Areté Ensemble / CiprianiGambaccini), in scena sabato 14 gennaio alle 21 e domenica 15 gennaio alle 18 al Teatro Radar di Monopoli per il nuovo appuntamento della Stagione 2022.23 ‘Sconfinamenti’, a cura di Teresa Ludovico per Teatri di Bari.

Una commedia esilarante e spietata che ha fatto il giro di tutti i teatri del mondo, diretta e interpretata da Michele Cipriani, Arianna Gambaccini, Saba Salvemini e Annika Strøhm, nei panni delle due coppie di genitori. Un incontro durante il quale i buoni propositi di rispetto ed  amore  reciproco e le  buone maniere vengono presto dimenticate e la  discussione  degenera  in  un’altalena  di  imprevisti,  battute  al  vetriolo,  ‘sgambetti’,  raffinate crudeltà, e, addirittura, risse, con i quattro genitori nella strenua difesa di ciò che hanno di più caro raderanno al suolo i capisaldi della convenzione sociale.

Sul palcoscenico le relazioni sociali si scompongono, facendo emergere con la scrittura di Reza tutte le contraddizioni ed i paradossi creando un meccanismo a orologeria che fa di una situazione comune un’ilare esplosione di assurda attualità. E guida il pubblico nel mondo della coppia, della coppia con figli, della coppia con figli alle prese con altri genitori, con la società.

Gli spettacoli della Stagione serale 2022.23 del Teatro Radar hanno un prezzo di 22 euro per la Galleria e di 25 euro per la Platea. Disponibile anche gli abbonamenti platea (150 euro) e galleria (130 euro) per tutta la Stagione a prezzo scontato. I biglietti sono disponibili al botteghino del Teatro Radar di Monopoli (via Magenta 71) e online sul circuito Vivaticket.com. Per info si può chiamare il numero 335 756 47 88 – info@teatroradar.it. Il programma completo di Sconfinamenti è disponibile sul sito su www.teatridibari.it. 

SCHEDA ARTISTICA

Areté Ensemble | CiprianiGambaccini

Il Dio del massacro

di Yasmina Reza

Diretto e interpretato da Michele Cipriani, Arianna Gambaccini, Saba Salvemini, Annika Strøhm

Consulenza scene e luci Michelangelo Campanale

Costumi Maria Pascale

Realizzata con il supporto di TRAC_Centro di residenza teatrale pugliese e Tex_il Teatro dell’ExFadda oltre che con la collaborazione del Comune di Pergola e la compagnia teatrale Malalingua

Una commedia, una commedia esilarante e spietata che ha fatto il giro di tutti i teatri del mondo.

Ferdinand Reille, undici anni, litiga con il coetaneo Bruno Houllié e nel litigio gli rompe due denti.  Le  due  coppie  di  genitori  si  incontrano  il  giorno  dopo  per  risolvere  l’accaduto  in  modo  adulto  e  pacifico,  ma nonostante  i  buoni  propositi  di  rispetto  ed  amore  reciproco,  le  buone  maniere  vengono  presto  dimenticate  da entrambe  le  famiglie e  la  discussione  degenera  in  un’altalena  di  imprevisti,  battute  al  vetriolo,  “sgambetti”,  raffinate crudeltà, e, addirittura, risse… I quattro genitori nella strenua difesa di ciò che hanno di più caro raderanno al suolo i capisaldi della convenzione sociale.

La celebre e geniale scrittrice e drammaturga francese Yasmina Reza si addentra nelle relazioni famigliari e sociali, le scompone, ne fa emergere tutte le contraddizioni ed i paradossi creando un meccanismo a orologeria che fa di una situazione comune un’ilare esplosione di assurda attualità; ma soprattutto ci guida nel mondo della coppia, della coppia con figli, della coppia con figli alle prese con altri genitori, con la società.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.