Principale Arte, Cultura & Società Sport & Motori Serie A, top e flop della 17ª giornata

Serie A, top e flop della 17ª giornata

Grazie all’ottava vittoria consecutiva, la Juve affianca il Milan al secondo posto, complice il pareggio dei rossoneri contro la Roma. Torna a vincere il Napoli a Marassi; solo un pareggio per Inter e Lazio.

Fiorentina – Sassuolo 2-1

TOP: Giacomo Bonaventura (voto 7)

È la mente e l’anima di questa Fiorentina. Nei momenti peggiori è sempre lui a dare la carica. Leader vero.

Menzione d’onore: Saponara.

FLOP: Gian Marco Ferrari (voto 5)

Ancora una volta decisivo in negativo con l’errore sul gol di Saponara.

Menzione di (dis)onore: Ikonè, Traorè.

Juventus – Udinese 1-0

TOP: Federico Chiesa (voto 7)

Mezz’ora di grande qualità e l’assist delizioso per Danilo: coordinazione e controllo del corpo perfetti.

Menzione d’onore: Danilo.

FLOP: Enzo Ebosse (voto 5)

Entra al posto di uno stanco Udogie e soffre Chiesa praticamente in ogni azione. Se lo perde sul gol.

Menzione di (dis)onore: Ehizibue.

Monza – Inter 2-2

TOP: Lautaro Martinez (voto 7)

Torna da titolare dopo la vittoria del mondiale e fa subito gol dimostrando tanta fame. Solo il palo gli nega la doppietta personale.

Menzione d’onore: Ciurria, Darmian.

FLOP: Pablo Marì (voto 4,5)

L’errore sul gol di Lautaro è clamoroso, poteva costare caro alla sua squadra. Per fortuna il Monza la riacciuffa negli ultimi minuti.

Menzione di (dis)onore: Lukaku, Carlos Augusto.

Salernitana – Torino 1-1

TOP: Guillermo Ochoa (voto 8)

Altra partita dominante per il portiere messicano della Salernitana. Ci mette la pezza in tantissime occasioni nel primo tempo; è miracoloso su Miranchuk nel secondo tempo.

Menzione d’onore: Schuurs, Vlasic.

FLOP: Emil Bohinen (voto 5)

Dalle sue parti passano tutti, centrocampisti e trequartisti del Torino. Non è ancora in condizione, esce al 45′.

Menzione di (dis)onore: Bronn, Bradaric.

Spezia – Lecce 0-0

TOP: Bartlomiej Dragowski (voto 7)

Recupero a sorpresa per il portiere polacco che rientra in campo dopo il brutto infortunio pre-mondiale. Chiude bene su Strefezza e compagni.

Menzione d’onore: Gonzalez, Gallo.

FLOP: Emil Holm (voto 5,5)

Perde il duello a tutta fascia con Gallo senza lasciar però grandi occasioni agli ospiti.

Menzione di (dis)onore: Reca.

Lazio – Empoli 2-2

TOP: Luis Alberto (voto 7)

Fuori dal campo di parla sempre di lui per le note vicissitudini di mercato. In campo anche – giocatore di tecnica sopraffina e di qualità mondiale.

Menzione d’onore: F.Anderson, Marin.

FLOP: Petar Stojanovic (voto 5)

Molto in difficoltà sulla sua fascia, è da lì che arrivano le occasioni più grandi della Lazio.

Menzione di (dis)onore: Casale, Romagnoli.

Sampdoria – Napoli 0-2

TOP: Victor Osimhen (voto 7,5)

Mezzo voto in più per la cattiveria con cui si costruisce il primo gol. Arriva in doppia cifra nella classifica cannonieri.

Menzione d’onore: Audero, Anguissa.

FLOP: Tomas Rincon (voto 4,5)

Bene fino all’entrata sciagurata su Osimhen che gli costa il rosso diretto. Errore di generosità ma anche di poca lucidità.

Menzione di (dis)onore: Murillo, Murru.

Milan – Roma 2-2

TOP: Tammy Abraham (voto 7)

Un’altra giocata decisiva nei minuti di recupero, questa volta nell’area avversaria. Cattivo e reattivo a ribadire in rete sulla respinta di Tatarusanu.

Menzione d’onore:  Bennacer, Kalulu.

FLOP: Fikayo Tomori (voto 5)

La Roma sulle palle inattive è la regina della Serie A e lo sappiamo tutti. Detto ciò, si poteva far meglio in entrambi i gol.

Menzione di (dis)onore: Rui Patricio, Vranckx.

Verona – Cremonese 2-0

TOP: Darko Lazovic (voto 7,5)

Si fa perdonare l’errore sotto porta contro il Torino mettendo a segno non uno, ma ben due gol. Oltre a questo tanto dinamismo in mezzo al campo.

Menzione d’onore: Doig, Ilic.

FLOP: Leonardo Sernicola (voto 5)

Su quella fascia Doig fa quello che vuole ed è proprio da lì che arrivano i pericoli per la Cremonese.

Menzione di (dis)onore: Bianchetti, Lochoshvili.

Bologna – Atalanta 1-2

TOP: Teun Koopmeiners (voto 7)

Riapre una partita difficilissima per la Dea con un bolide dai 25 metri appena rientrati dall’intervallo. Il gesto tecnico gli vale la palma di migliore in campo.

Menzione d’onore: Orsolini, Hojlund.

FLOP: Mario Pasalic (voto 5)

L’Atalanta del primo tempo è brutta e i protagonisti principali non incidono. Esce insieme ad Hateboer al 45′.

Menzione di (dis)onore: Hateboer, Palomino.

Photo credits: laroma24.it

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.