Principale Politica Autonomie locali Auguri ai grottagliesi per un 2023 migliore di quello che abbiamo lasciato

Auguri ai grottagliesi per un 2023 migliore di quello che abbiamo lasciato

Rceviamo e pubblichiamo

L’amministrazione comunale chiude l’anno 2022 con due clamorose bocciature relative all’appalto del “Servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani e gestione del Centro Comunale di Raccolta” e al recesso dal contratto d’appalto stipulato a maggio per cui non ci sarà più la “Realizzazione di un Centro Comunale di Raccolta” nella Zona 167; il tutto si concretizzerà con un sostanzioso aumento delle tariffe.

 

Invece il Partito Democratico, insieme all’opposizione, presentano un importante bilancio dell’attività svolta nell’anno passato come dimostra l’allegata tabella.

Nove Interrogazioni, quattro Interpellanze, sei Mozioni e tante altre iniziative che il gruppo del Partito Democratico ha presentato, anche insieme ai colleghi della coalizione “Grottaglie Domani”, nel corso di questo 2022 appena concluso.

Dietro a quelli che sembrano solo numeri vi sono le voci, le proteste, le speranze e le delusioni di centinaia di cittadini a cui abbiamo dato voce ai quali il Sindaco e i consiglieri di maggioranza, spesso, hanno volutamente ignorato non accorgendosi dei loro problemi, delle loro aspettative.

 

Hanno detto NO alla sistemazione urbanistica di un quartiere abbandonato al degrado come il Comparto “C8” tra Via Ennio e Via Senatore Pignatelli che avrebbe, tra l’altro, valorizzato la gravina oltre a poter realizzare un parcheggio su Via Ennio.

Hanno detto di NO a ripristinare e restituire la giusta dignità alla Piazza dedicata al Santo concittadino, San Francesco de Geronimo.

Hanno detto di NO a smantellare e mettere in sicurezza quella pericolosa pista ciclabile di Via Messapia.

Hanno detto di NO persino a comprendere le ragioni della perdita di circa tre milioni e mezzo di euro per le casse comunali con il mancato introito delle royalties della discarica. Ma i gruppi della coalizione “Grottaglie Domani” lo hanno segnalato alla Procura della Corte dei Conti per chiedere di verificare se ciò abbia prodotto un danno erariale.

Hanno detto di NO alle nostre proposte ad affrontare con decisione il “caro bollette” da cui è derivata una straordinaria emergenza economica e sociale per le fasce sociali più deboli della popolazione e venire incontro alle esigenze di famiglie e imprese.

Hanno detto di NO a rivedere i valori dell’IMU e ad affrontare con più equità, umanità e comprensione il dramma delle famiglie alle prese con una elevata tassazione dei terreni dei Comparti “C”.

 

E’ davvero difficile da comprendere come tanti consiglieri di maggioranza, eletti dai grottagliesi, abbiano più volte voltato le spalle ai loro concittadini solo per un malinteso senso di “disciplina” e per obbedire ai voleri del Sindaco, spesso contraddicendo quanto promesso in campagna elettorale. Sono loro che devono spiegare ad esempio come mai, sulle sopracitate sei Mozioni presentate dalla minoranza, hanno espresso un diniego bocciando delle legittime iniziative e atti di indirizzo rivolte all’Amministrazione comunale.

 

Noi non ci rassegniamo e continueremo a portare avanti le nostre idee convinti di interpretare al meglio le giuste richieste e aspirazioni dei cittadini ai quali auguriamo un Buon 2023, migliore di quello che abbiamo lasciato.

 

IL GRUPPO CONSILIARE E LA SEGRETERIA DEL PARTITO DEMOCRATICO DI GROTTAGLIE

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.