Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli “Fantasmi” è il nuovo singolo di Maëlys

“Fantasmi” è il nuovo singolo di Maëlys

“Sempre in ritardo e il tempo ci corre dietro e non hai niente da perdere”

È uscito per Futura Dischi FANTASMI, il nuovo singolo di MAËLYSDopo il debutto per la label con Stoccolma, suggestivo incontro di intensità e delicatezza, la giovane artista torna con un brano che ne svela nuove sfumature.

SENTI QUI IL BRANO: https://maelys.lnk.to/Fantasmi

In Fantasmi un’atmosfera di tensione iniziale sfocia in pulsazioni elettroniche e in riverberi di chitarre, prestate per qualche minuto a un sound dall’incedere criptico e sognante. Contaminazioni che pescano da scenari internazionali, reinventate in chiave intima e personale da Maëlys.

“La mia generazione vive con l’ansia costante di essere in ritardo sui tempi: si sente in ritardo per avere un lavoro stabile, per comprare casa, per stabilirsi in un luogo, per avere una famiglia. Sentiamo e viviamo lo sguardo degli altri su di noi come unità per misurare la nostra soddisfazione e il raggiungimento delle nostre ambizioni, il più delle volte. E in tutto questo rincorrersi di tappe e obiettivi, la verità è che l’unico tempo che veramente perdiamo è quello che dovremmo impiegare a costruire la realtà vera attorno a noi, i rapporti veritieri e i nostri porti sicuri.”

CREDITS
Composizione: Vincenzo Guerra, Stefano de Vivo, Claudio La Rocca, Marilisa Scagliola, Rosita Brucoli, Gabriele Poliseno
Scritta da Gabriele Poliseno, Marilisa Scagliola, Rosita Brucoli
Prodotta da Stefano de Vivo, Claudio La Rocca (RBG Prisma)
Music Direction: Vincenzo Guerra
Additional production: Vincenzo Guerra
Registrata da S. de Vivo, C. La Rocca
Batteria: Francesco Aprili
Batteria registrata da Giuliano Vozella
Mix: Giuliano Vozella

BIO
Il progetto di Maëlys, moniker di Marilisa Scagliola, nasce nel 2017 con forti influenze esterofile che portano a un riuscitissimo debutto in inglese nel 2018 con il debut album Mélange: si aprono le porte di festival come  L’Acqua in Testa Music Festival, il Balcony Tv Fest al Monk di Roma, il Medimex, il Siren Festival, il Panoramica Festival in apertura a Joan Thiele, il Chiù Festival prima di Noga Erez, il Locus Festival come opening di Ghemon.

A quattro anni dall’uscita del suo primo disco, Maëlys sente la necessità di trovare un nuovo equilibrio, una chiave per riaprire la sua parte più intima e la sua anima fatta di frammenti acustici in armonia con riverberi elettronici. Sentendosi catapultata in una generazione che è sempre di fretta e vive col fantasma costante di star perdendo tempo, cerca il suo posto in diverse città d’Europa e nelle sue culture differenti, per poi in realtà ritrovarsi in quattro semplici immagini: il mare della sua terra, la luce che filtra dalle finestre di casa sua, i sentimenti che cerca di razionalizzare e la sua musica introspettiva.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.