Principale Ambiente & Salute Le Car-T in Regione Puglia: stato dell’arte e prospettive future

Le Car-T in Regione Puglia: stato dell’arte e prospettive future

Resp. scientifico: dott. Nicola Di Renzo, Direttore Ematologia “Vito Fazzi”- Lecce

 La prima somministrazione di Car-T in Puglia a Taranto, una valutazione degli attuali casi clinici meritevoli di trattamento con le Car-T in tutta la Regione Puglia e una ricognizione dello stato di avanzamento delle procedure di accreditamento che consentiranno anche ad altre strutture regionali di somministrare le Car-T.

E’ questa la sintesi dell’evento “Le Car-T in Regione Puglia: stato dell’arte e prospettive future” che si è tenuto presso il Dipartimento Salute della Regione Puglia con l’organizzazione di Sanitanova, la sponsorizzazione non condizionata di Gilead e la responsabilità scientifica del dottor Nicola Di Renzo, Direttore dell’Unità operativa di Ematologia dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

Le Car-T sono una terapia innovativa in campo onco-ematologico che permette di offrire una possibilità di cura ai pazienti con linfomi e leucemie con recidive e che sono già stati sottoposti ad altre linee di trattamento.Le Car-T richiedono una complessa preparazione che ha inizio con il prelievo di cellule dal sangue del paziente per consentire una raccolta dei linfociti: questi vengono poi reingegnerizzati per introdurre il recettore Car (Chimeric Antigen Receptor) capace di riconoscere le cellule tumorali. Solo dopo questo trattamento, che avviene in centri specializzati, è possibile procedere con la re-infusione al paziente.

“Al momento la terapia con Car-T è indicata in alcuni casi particolari – dice il dottor Nicola Di Renzo – nei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato o refrattario a due o più terapie, nei pazienti pediatrici e giovani adulti fino ai 25 anni di età con leucemia linfoblastica acuta a cellula B refrattaria in recidiva post-trapianto, nei pazienti con linfoma primitivo del mediastino a grandi cellule B e nei pazienti con linfomi a grandi cellule B correlato a virus Epstein-Barr recidivato e refrattario. Certamente però la terapia con Car-T potrebbe essere estesa al trattamento di altre patologie e questo significa un aumento anche considerevole della platea di pazienti in potenziale trattamento e la necessità di avere più centri in Puglia dove poter effettuare questo tipo di trattamento”.

“Al momento possiamo dire di avere in Puglia tra i 40 e i 50 pazienti che potrebbero ricevere il trattamento con Car-T – ha precisato il dottor Mario Delia, ematologo del Dipartimento dell’Emergenza e dei Trapianti d’Organo dell’Università di Bari – ma certamente la possibilità di curare con Car-T altre patologie o la possibilità di estendere la fascia di età potrebbe far crescere il numero di potenziali pazienti in trattamento con Car-T”.

La somministrazione di Car-T richiede un lungo e articolato processo di accreditamento, già avviato in diversi centri della Regione Puglia e concluso dall’ospedale “Moscati” di Taranto: “siamo pronti – ha detto il dottor Alessandro Maggi, responsabile della Ematologia – e abbiamo fatto la prima somministrazione in una paziente. E’ un momento molto importante per noi, è il punto di arrivo di un lungo lavoro che ci ha visti impegnati nei trapianti autologhi ed eterologhi e nella definizione delle procedure per essere ufficialmente accreditati alla somministrazione delle Car-T. Ma certamente è anche un punto di partenza altrettanto importante per i pazienti del nostro territorio e della Regione Puglia in attesa che anche altri centri possano concludere con esito positivo le procedure di accreditamento”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.