Principale Politica Diritti & Lavoro Il lavoro crea il futuro. A congresso la Flai Cgil di Taranto

Il lavoro crea il futuro. A congresso la Flai Cgil di Taranto

“Il lavoro crea il futuro”, questo il messaggio forte scelto dalla Cgil nazionale e che sarà al centro dell’8° Congresso della Flai di Taranto che si celebrerà martedì 6 dicembre, a partire dalle 9.00, nella Masseria Amastuola di Crispiano (Taranto).

Il bel manifesto, creato dall’artista di Martina Franca Piero Angelini, racconta con una grafica efficace ed accattivante, radici e impegni programmatici di una categoria e di un settore produttivo attraversato da grandi trasformazioni, ma saldamente ancorato alle sue tradizioni. “Seminiamo valori e ideali di Storia, curiamo germogli di Speranza, raccogliamo frutti di Futuro”, recita la locandina sintetizzando i contenuti del Congresso.

“I comparti agricolo e dell’agroindustria – spiega Lucia La Penna, segretaria generale della Flai ionica – vivono importanti cambiamenti tecnologici. Le innovazioni, in molti casi, hanno migliorato i processi produttivi, ma il lavoro nei campi presenta ancora zone d’ombra che come sindacato dobbiamo denunciare e portare all’attenzione delle Istituzioni. Il caporalato è, purtroppo, presente nelle campagne, una costante che in anni più recenti si è intrecciata con il dramma degli immigrati. Nella provincia di Taranto si contano circa 26mila braccianti agricoli, ma a questi vanno aggiunti i lavoratori irregolari che sfuggono a qualsiasi censimento”.

I lavori saranno aperti dalla relazione della segretaria generale La Penna. Previsti gli interventi di Giovanni D’Arcangelo, segretario organizzativo della Cgil Taranto e di Antonio Gagliardi, segretario generale della Flai Puglia. Dopo il dibattito, le conclusioni sono affidate a Jean Renè Bilongo, responsabile delle politiche migratorie della Flai nazionale.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.