Principale Cronaca Solidarità alla collega medico aggredita a Bari

Solidarità alla collega medico aggredita a Bari

Il dramma della tutela del lavoro di emergenza urgenza compreso quello della continuità assistenziale (detta guardia medica )è trattato in maniera costante in tutti gli interventi che come sindacato medici italiani(SMI) in tutte le regioni sel Paese abbiamo sempre denunciato.
La Puglia ha una storia drammatica su questo tema delle AGRESSIONI con casi di omicidio di una collega nel leccese e anche di tentate o avvenute violenze sessuali nei confronti delle donne medico in servizio.
Resta fermo il dramma della tutela dell’operatore sanitario sia nelle guardie mediche che nei centri di emergenza urgenza compresi il 118.—-La Regione Puglia e le Asl dovrebbero provvedere già con voci in bilancio ad individuare finanziamenti preposti a tutelare il lavoro dei medici di Continuità’ Assistenziale attraverso l’utilizzo di strutture idonee, di sistemi di videosorveglianza, guardiania e altre situazioni organizzative a favore della sicurezza del medico e o dell’operatore sanitario-Il lavoro della medicina territoriale e in particolare quello del medico di Guardia Medica spesso dal sistema pubblico competente viene fortemente sottovalutato come se fosse un’assistenza di serie B ‘per usare un termine calcistico,manca una presa seria di responsabilità istituzionale affinché questo servizio pubblico convenzionato dia garanzie al medico e al cittadino fruito. Sono anni che chiediamo una rivalutazione e riqualificazione della medicina territoriale ormai oberata  durante il Covid il post Covid da una eccessiva burocrazia senza una programmazione qualificata del lavoro clinico del medico.
Le guardie armate non sono ritenute fondamentali secondo noi,serve una profonda rivisitazione dei luoghi del lavoro del medico di guardia medica e della sua funzione professionale con finanziamenti pubblici adeguati e risolutivi.

Ludovico Abbaticchio Presidente Nazionale del Sindacato Medici Italiani(SMI)

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.