Principale Cronaca L’Italia arresta narcotrafficante catturato in Siria

L’Italia arresta narcotrafficante catturato in Siria

Importante narcotrafficante della camorra napoletana, è stato arrestato martedì mattina all'aeroporto di Roma Ciampino.

Siria

Bruno Carbone, 45 anni, importante narcotrafficante della camorra napoletana, è stato arrestato martedì mattina all’aeroporto di Roma Ciampino. Si spacciava per un messicano fuggito dal suo paese per aver venduto orologi Rolex falsi.

Chi è il narcotrafficante arrestato?

Bruno Carbone, napoletano è uno dei trafficanti di droga più ricercati dall’Europol, in fuga dal 2003 è stato estradato dalla Siria e arrestato a Roma martedì mattina, subito dopo essere sceso da un aereo. Aveva una condanna in contumacia a 20 anni di reclusione per traffico internazionale di stupefacenti. Dopo essere fuggito dall’Italia in seguito alla sua pena detentiva, Carbone si è trasferito in Europa e poi in Turchia prima di trasferirsi nelle aree controllate dal regime in Siria. Un funzionario di un’area siriana nordoccidentale detenuta dal gruppo di militanti Hayat Tahrir Al-Sham (HTS) ha affermato che Carbone è stato arrestato “mentre transitava nelle aree ‘liberate’ a marzo con l’obiettivo di raggiungere le regioni sotto il controllo del regime” del Presidente Bashar Assad.

La Siria e il Captagon

La regione è nota per essere una delle principali fonti, punti di transito e consumatori di droghe illecite. La produzione, il traffico e il consumo di droghe, in particolare il Captagon , nella regione sono aumentati vertiginosamente nell’ultimo decennio, con le piccole pillole biancastre che sono diventate la droga più popolare della regione. L’anfetamina sintetica è stata a lungo associata ai combattenti di tutte le parti nella guerra civile siriana.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.