Principale Cronaca EIPLI, la nuova società di gestione che tarda ad arrivare

EIPLI, la nuova società di gestione che tarda ad arrivare

sdr

Nino Sangerardi

A  novembre 2022 non si evince alcuna notizia, di pubblica evidenza, in merito alla costituzione della nuova compagine  dell’Ente per lo sviluppo e irrigazione di Puglia Lucania e Irpinia(Eipli).

Strano, tenendo conto dell’ articolo n.169 della Legge “ Bilancio previsione dello Stato anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale 2021-2023” ratificata dal Parlamento(23 dicembre 2020,maggioranza M5S,PD,LEU)  che prescrive quanto segue : ” A fronte delle  misure di contenimento dell’emergenza Covid 19 pare opportuno evitare all’Eipli di procedere alla selezione di nuovo personale in sostituzione di quello con contratto in scadenza,prorogando i contratti a tempo determinato esistenti fino al 30.06.2021 al fine di consentire il termine dell’iter di costituzione della nuova società. Sarà quest’ultima a definire i fabbisogni nel rispetto delle normative vigenti”.

In attesa della nuova struttura societaria forse è utile ricordare che Eipli nasce con atto n.281 dell’anno 1947 firmato dal Capo provvisorio dello Stato. Gestito da tredici commissari straordinari dal 1979 al 2010. Nel corso del 2011 viene soppresso con decreto Legge e messo in stato di liquidazione.

Il venti settembre 2017 il Ministro delle politiche agricole e forestali,Maurizio Martina(Pd),  proroga di un anno al dr. Antonio Lerario,dirigente Servizio Controlli della Regione Puglia,l’incarico di commissario dell’Eipli.

Arriva il 5 ottobre 2018 e Gian Marco Centinaio(Lega Salvini,governo M5S-Lega),Ministro delle politiche agricole forestali e del turismo, nomina l’ennesimo commissario : il dr. Antonio Altomonte,commercialista di Potenza “ dal cui curriculum vitae si evincono i requisiti professionali e le esperienze acquisite utili a ricoprire la suddetta carica “.

Nel corso di dicembre 2019  il Ministro delle politiche agricole e forestali, Teresa Bellanova(Italia Viva),  dall’elenco di candidati che hanno partecipato al bando pubblico assegna la carica  di ulteriore commissario alla dr.ssa Antonella Guglielmetti,residente a Domodossola(Piemonte),commercialista,il 27 aprile 2017 insediata dal Governo presieduto da Matteo Renzi(Pd) nel consiglio di amministrazione di Poste Italiane spa con scadenza dicembre 2019.

La mansione del commissario Guglielmetti ha la durata di 365 giorni e pertanto terminata il 20 dicembre 2020.

Il Ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Stefano Patuanelli (M5S),  il 7.10.2021 con decreto designa il nuovo Commissario liquidatore dell’Eipli : prof. Nicola Fortunato, laurea con lode in Economia e Commercio, professore Associato in Diritto Tributario presso Dipartimento Jonico in “Sistemi giuridici e economici del Mediterraneo” dell’Università degli Studi di Bari; durata dell’incarico, un anno, compenso pari a 59.317,20 euro annui lordi.

Incarico commissariale dovuto alla scadenza in prorogatio dell’ultimo commissario dr.ssa Antonella Guglielmetti, e visto che la nuova società prescritta dalla Legge di Bilancio dello Stato anno finanziario 2021 “… non risulta allo stato ancora costituita”.

Si rammenta che Eipli detiene otto dighe,quattro traverse idriche, le sorgenti del Tara e centinaia di chilometri di grandi reti di adduzione con una capacità potenziale di accumulo regolazione e vettoriamento pari a  un miliardo di metri cubi d’acqua ogni anno.

Fornisce all’ingrosso acqua non trattata per usi potabili a Acquedotto Pugliese spa,Acquedotto Lucano spa,Consorzio Jonio Casentino di Calabria, per usi irrigui a nove Consorzi di bonifica delle Regioni Puglia,Campania e Basilicata e per usi industriali all’ex Ilva-Arcelor Mittal di Taranto,Acquedotto Pugliese spa e altri utenti minori.

Per concludere, si vocifera di una debitoria,in capo all’Eipli, di circa settanta milioni di euro.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.