Principale Cronaca Moda uomo, storia di un capo senza tempo: la camicia

Moda uomo, storia di un capo senza tempo: la camicia

La camicia è il capo di abbigliamento più classico, sia per uomo che per donna. Ma la sua storia è davvero interessante, e affonda le radici nei secoli. Non solo moda, ma vera e propria espressione di uno status, la camicia ha faticato ad affermarsi come capo principale del guardaroba maschile, perché veniva considerata un indumento intimo, ed è stato così fino alla fine dell’800.

Fino a quel momento, infatti, la camicia veniva indossata dalla testa e non aveva i bottoni, dettaglio che venne aggiunto solo all’inizio degli anni 70 del XIX secolo, quando una ditta inglese, Brown Davis and Company, depositò il brevetto di questo caponuovo“, che comprendeva un’abbottonatura la quale partiva dal collo e terminava sul bordo dell’indumento.

Ma l’aggiunta dei bottoni non era ancora abbastanza. La camicia, rigorosamente bianca, era simbolo di ricchezza, in virtù del fatto che solamente nobili e borghesi facoltosi potevano permettersi di cambiarla frequentemente e averla sempre pulita e candida. Dunque, quando alla fine dell’800 vennero introdotte le camicie a quadri e a righe, l’aggiunta di queste nuove “fantasie” non venne accolta favorevolmente, perché si pensava che queste fossero solo un modo semplice per mascherare la presenza di eventuali macchie sul tessuto.

Con il tempo, però, la camicia a righe è diventata una delle più amate dagli uomini, che spesso la preferiscono alla classica bianca, perché ritenuta più versatile e adatta anche alle situazioni informali. E per renderla un capo “day and night” bastano pochi, semplici accorgimenti.

Indossata insieme ad un completo dal taglio sartoriale, per il lavoro, oppure abbinata ad un bermuda in lino con le tasche e dei mocassini in camoscio, per un aperitivo con gli amici al tramonto, la camicia a righe è uno dei capi più poliedrici del guardaroba maschile.

In questo senso, i modelli di camicie uomo proposti dalla casa di moda Boggi Milano, sono davvero perfetti per chi vuole avere a disposizione sempre il capo giusto per ogni occasione. Attenzione però, non tutte le righe sono uguali e, soprattutto, ci sono alcune piccole “regole” da seguire, per non sbagliare il look.

La prima riguarda i colori: l’outfit deve essere scelto in base alla tonalità delle righe.

Una camicia bianca con righe sui toni del blu, dovrà essere necessariamente abbinata ad un paio di pantaloni e ad una giacca dello stesso colore. Una piccola variazione sul tema è concessa unicamente nel caso in cui si scelgano colori complementari, come ad esempio il grigio o il sabbia.

Un’altra regola riguarda poi lo spessore delle righe. Quelle sottili sono adatte ad un contesto più formale, mentre le righe più larghe possono dare un tocco personale e “sdrammatizzare” anche l’outfit più rigoroso.

E voi, quale camicia a righe avete nell’armadio?

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.