Principale Estero La Germania “puntuale e ordinata” è obsoleta

La Germania “puntuale e ordinata” è obsoleta

Il problema più attuale della Germania è l'energia e l'inflazione.

Germania

Il paese dove vivevano persone affidabili e puntuali e tutto era in ordine si chiamava “Germania”. “Made in Germany” era un’etichetta apprezzata non solo nella sua produzione, ma anche nella sua gente e nell’ordine. In qualità di compagnia aerea Lufthansa, i treni ad alta velocità Deutsche Bahn e Deutsche Post sono stati un esempio nel mondo per essere veloci e affidabili. Mentre nella Germania di oggi non ci sono molte persone che ci credono. I passeggeri Lufthansa ora sono disposti a volare in ritardo. Per non parlare in tempo, se i loro dipendenti non sono in sciopero. I passeggeri non richiedono più il servizio a bordo, purché il bagaglio arrivi sullo stesso aereo. I ritardi dei treni sono così comuni ora che i comici hanno smesso di fare battute. Se vuoi inviare una lettera, speri che arrivi in ​​5-6 giorni. Come se non bastasse, la nazionale di calcio maschile FIFA è scesa all’11° posto. In altre parole, non ci sono uno, ma molti problemi che demoralizzeranno i tedeschi.

Germania: cosa sta accadendo?

Secondo un sondaggio, il problema più grande è l’inflazione (58%); seguono energia (38%), ambiente/clima (19%), situazione economica (13%) e posizione internazionale (13%). La migrazione è all’8° posto. La struttura demografica, il problema direttamente correlato del personale qualificato e della trasformazione digitale, che sono i maggiori problemi del futuro della Germania, non sono inclusi nell’indagine. Il governo agisce secondo questo ordine. Tuttavia sta cercando di alleviare l’onere inflazionistico in rapido sviluppo sui cittadini riducendo le tasse, gli aiuti diretti e imponendo un limite massimo ai prezzi del gas naturale.

Crisi energetica

Il governo di coalizione dominato dai Verdi affronta il problema dell’energia ideologicamente così come l’inflazione. Il 26% della produzione di elettricità proviene dall’eolico, il 19% dalla lignite, il 16% dal gas e il 12% dal nucleare. Fin dai primi giorni dell’attacco russo all’Ucraina, il governo ha indotto il suo fornitore, la Russia, a chiudere i rubinetti del gas. Il riavvio delle centrali a lignite potrebbe essere deciso solo il 1 ottobre e questa decisione sarà valida fino a giugno 2023. Le ultime tre centrali nucleari tedesche sarebbero state chiuse entro la fine dell’anno. All’interno della coalizione di governo, i socialdemocratici e il partner più giovane, i Liberi Democratici, hanno chiesto che la chiusura delle centrali nucleari fosse posticipata per questo inverno quando il gas era problematico, ma i Verdi erano anche ideologici su questo tema. Non volevano rinunciare al loro obiettivo principale di uscire dall’energia nucleare. A metà ottobre, il cancelliere Olaf Scholz ha utilizzato l’autorità per regolare la linea politica specificatamente specificata dalla costituzione e ha ordinato l’esercizio di tre centrali fino a metà aprile 2023. Questa decisione rivela sia la situazione del governo di coalizione che l’abilità esecutiva di Scholz.  Fatta eccezione per Konrad Adenauer, il primo cancelliere della Repubblica federale di Germania, nessun primo ministro aveva esercitato questa autorità. Nonostante tutte le crisi come recessione, inflazione, rialzo dei tassi di interesse e deprezzamento dell’euro nei confronti del dollaro fino a queste settimane, il mercato del lavoro tedesco ha iniziato a tremare. Indici, barometri in calo. Un inverno pesante attende l’economia tedesca. Sia il barometro dell’occupazione industriale che il settore dei servizi sono in picchiata. L’inflazione ufficiale del 10,4 per cento, un record di 70 anni, ha iniziato a ridurre la domanda sul mercato.

La possibilità di radicalizzazione della società tedesca

Da settimane le persone sono scese in piazza per protestare contro il governo, soprattutto nella Germania orientale e centrale. Resta da vedere se queste proteste rischino la radicalizzazione. Secondo i risultati di un’indagine su 30mila persone pubblicata a metà ottobre dall’agenzia radiotelevisiva a controllo pubblico MDR, il 59 per cento ha detto sì al rischio di radicalizzazione, mentre il 36 per cento non prevedeva la radicalizzazione. L’indagine è stata condotta solo in tre stati con aree di trasmissione MDR. Anche le proteste si svolgono quasi esclusivamente in questi stati. Questi tre stati sono anche gli stati in cui il partito di estrema destra AfD e l’estrema sinistra Die Linke hanno ricevuto il maggior numero di voti. Pochissime delle 30mila persone intervistate hanno dichiarato di aver partecipato alle proteste. L’80 per cento dei 30mila accetta le proteste con comprensione, mentre il 19 per cento rifiuta le proteste. Per questo autunno e inverno il 45 percento dice “Posso unirmi alle proteste”, il 50 percento dice “No, non protesterò”. dice. “Posso andare alle proteste”. Mentre la motivazione del 90 per cento di coloro che affermano questo è di influenzare la politica, il 73 per cento punta all’ansia futura e il 48 per cento ad essere arrabbiato.

Il numero di persone che credono che il governo possa risolvere i problemi che causano ansia è molto basso: l’inflazione è del 10 per cento, l’energia è del 14 per cento, la guerra Russia-Ucraina è del 14 per cento, l’epidemia di Covid-19 è del 21 per cento. In questi giorni in cui l’epidemia è stata dichiarata finita, solo una persona su 5 crede che il governo porterà una soluzione, che l’inflazione diminuirà, solo una persona su 10. Questi numeri mostrano che, almeno in questi tre stati, poche persone si fidano che il governo federale trovi una soluzione.  Ma si può dire che non c’è rischio di radicalizzazione per rovesciare il governo per ora. Nonostante ciò, il 4 novembre si incontreranno i ministri dell’Interno dei 5 Stati dell’Est, ovvero i nuovi Stati che 32 anni fa erano stati inclusi nella Repubblica Federale di Germania, per discutere di questo rischio di radicalizzazione e delle misure che si possono adottare. Non c’è panico al riguardo per ora, ma a causa dell’aumento delle proteste di piazza, vengono prese precauzioni per evitare l’escalation. Nella vita quotidiana, le persone sperimentano personalmente il costo e sentono che il prezzo aumenta in pochi mesi molto più del 10,4% ufficiale. Inoltre, gli inquilini non hanno ancora ricevuto la nota spese annuale dal locatore o dal gestore.

Mancanza di leader

Una delle più grandi carenze della Germania di oggi è un leader “promettente e guida”. Una società polarizzata, spaventata, ansiosa e irrequieta ha bisogno di un leader che parli senza esitazione dei problemi, si fissi obiettivi, si rimbocca le maniche e, se necessario, applichi le prescrizioni più dolorose, ma dia speranza e prometta identità. Olaf Scholz non ha le qualità di leadership menzionate. Per questo motivo, tutto il suo lavoro è speso per mantenere la coalizione e la riconciliazione tra socialdemocratici, verdi e liberi democratici in un campo ideologico e scivoloso. Il presidente Frank-Walter Steinmeier è un leader che riflette la situazione in Germania. Steinmeier ha dimostrato la sua natura burocratica con le sue azioni in ogni compito che ha assunto durante la sua carriera. Da Presidente rappresenta la paralisi della Germania, in altre parole una Germania stagnante, priva di innovazione e di forza creativa, attende le riforme con generosa pazienza, incarna lo sconforto e il silenzio. La scorsa settimana ha pronunciato il discorso “chiamata alla nazione” che da giorni veniva pubblicizzato, e dopo questa grande “chiamata”, nella mente sono rimasti solo “anni difficili aspettano la Germania, sono necessarie unità e solidarietà”. Sì, la Germania attende anni difficili, ma anche misure e riforme necessarie. Dunque “Dove si sta dirigendo la Germania?”. Per ora, non sa dove sta correndo. Cercherà la sua strada quest’inverno, ma si accorgerà di essere su quella  sbagliata, sia in piazza che ai tavoli internazionali.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.