Principale Politica Giorgia Meloni a Bruxelles

Giorgia Meloni a Bruxelles

La leader di Fratelli d’Italia, per la prima volta in Europa da presidente del Consiglio, vedrà i vertici delle istituzioni.

Giorgia Meloni

Come sempre, i primi viaggi all’estero dei nuovi vertici di qualsiasi Stato hanno solitamente qualcosa di simbolico e lanciano un messaggio o una dichiarazione di intenti. La premier Giorgia Meloni non farà eccezione. Si reca a Bruxelles appena 10 giorni dopo essere stata nominata Presidente del Consiglio – poco tempo per gli standard europei – per mandare un segnale di calma alle istituzioni comunitarie. Le due parti sanno che ci saranno scontri in futuro. Tuttavia il piano di ripresa e i fondi europei e la politica migratoria appaiono come un potenziale primo ostacolo. Ma in questo primo incontro ci sarà poco spazio per il dissenso. L’agenda è serrata e i primi passi nel campo della politica estera del leader italiano, che mercoledì ha tenuto il suo primo colloquio telefonico con il presidente della Spagna, Pedro Sancez, sono ardui.

La prima visita di Giorgia Meloni a Bruxelles

L’Italia è diventata il primo Paese dei quattro grandi dell’Ue in cui l’estrema destra presiede il Governo. Ciò preoccupa molto nella capitale comunitaria, così come nelle sue istituzioni. Per la sua affinità con i governi più euroscettici come l’Ungheria o la Polonia. Questo spiega la curiosità e l’attesa che ha suscitato la prima visita di Meloni a Bruxelles. Dove in un solo pomeriggio incontrerà le tre massime autorità comunitarie: Roberta Metsola, presidente del Parlamento europeo; Ursula von der Leyen, capo della Commissione Europea; e Charles Michel, il presidente del Consiglio europeo. Tuttavia, tutte le istituzioni insistono nel classificare gli incontri come protocollo o “cortesia”. Nessuno si aspetta nella capitale comunitaria che le tensioni emergano già in questi tre incontri. Sono consapevoli, tuttavia, che potrebbero non tardare ad apparire. Il Piano di rilancio italiano, e gli enormi fondi che comporta, può essere un primo punto se l’Esecutivo Meloni intende fare una svolta radicale. Perché non è una cosa contemplata dalla normativa comunitaria o consentita dai tempi e dalle scadenze già concordato con le sue successive erogazioni. Nell’Esecutivo italiano si riducono le possibilità di attrito. “Bruxelles è stata scelta come primo viaggio per lanciare un messaggio chiaro, contrariamente a quanto detto in questi mesi”, sottolineano fonti vicine al presidente del Consiglio.

PNRR da rivedere

Meloni ha già avvertito che il piano disegnato dal suo predecessore, Mario Draghi, non funziona più. La crisi energetica e la variazione dei prezzi dovuta all’inflazione rendono la sua applicazione impraticabile, ritiene. Il problema, ammettono a  Roma, è che sarà necessario rispettare gli impegni presi e che i soldi in gioco sono troppi per mettere a rischio i pagamenti che dovranno essere ricevuti a breve. L’entrata in vigore della riforma della giustizia civile, ideata dal ministro uscente, Marta Cartabia, e richiesta dalla Commissione europea per ricevere i fondi, è stata posticipata a fine dicembre. Superato il 31° giorno, il prossimo pagamento sarebbe seriamente compromesso, ha ammesso Meloni nella sua prima conferenza stampa di questa settimana. Giorgia Meloni, che ha assicurato all’Italia la linea europeista e atlantista appena accettato l’incarico, ha affidato la sua agenda europea a Raffaele Fitto. Uomo moderato e grande conoscitore delle istituzioni comunitarie (è stato eurodeputato nelle ultime due legislature ed è co-presidente del gruppo dei conservatori e riformisti europei). L’idea, almeno nei primi giorni del mandato, sarà quella di evitare attriti. Soprattutto ora che l’Esecutivo deve disegnare la nuova legge di bilancio e ricevere il via libera da Bruxelles. “L’Italia difenderà i suoi interessi, ma con lealtà verso l’Unione Europea“, insistono fonti vicine al nuovo presidente del Consiglio. I dossier che verranno trattati, sottolineano, affronteranno anche la questione migratoria. Sulla questione ucraina non si aspettano contrasti con Bruxelles, almeno da parte di Meloni. Il problema ora viene dai suoi compagni di coalizione: Matteo Salvini (Liga) e Silvio Berlusconi (Forza Italia). Quest’ultimo, che avrebbe dovuto essere garante della moderazione e dell’europeismo, è diventato nelle ultime settimane una fonte inesauribile di problemi con i suoi commenti sull’invasione russa dell’Ucraina a favore di Vladimir Putin.

Leggi anche – Cina: assicura sostegno economico al Pakistan 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.