Principale Cronaca Un ponte d’arte e cultura tra le Gallerie degli Uffizi e l’Uzbekistan

Un ponte d’arte e cultura tra le Gallerie degli Uffizi e l’Uzbekistan

Firenze, presso le Galleria degli Uffizi, si è svolta la cerimonia di lancio di un importante progetto, che ha come finalità quella di far conoscere agli studenti delle scuole Presidenziali, creative  e specializzate della Repubblica dell’Uzbekistan le preziose opere del famoso e tra i più importanti musei del mondo.

All’evento hanno partecipato l’Ambasciatore dell’Uzbekistan in Italia Otabek Akbarov, il Direttore delle Gallerie degli Uffizi il Professor Eike Schmidt, il Vice Direttore dell’Agenzia per le Istituzioni Educative Presidenziali (APEI) Alisher Ubbiev (online), il Coordinatore del Dipartimento di Strategie Digitali del Museo Francesca Sborgi, il Responsabile del Dipartimento Cooperazione Internazionale dell’APEI Nazirulla Mannanov (on line), il Console Onorario dell’Uzbekistan nelle regioni Toscana e Umbria Leonardo Comucci, il Vicedirettore del Museo Veruska Filipperi, il Comandante del Distaccamento dei Carabinieri per la Conservazione dei Beni Culturali Claudio Mauti, gli studenti delle scuole Presidenziali, creative  e specializzate dell’Uzbekistan (online), nonché i connazionali uzbeki residenti a Firenze.

L’ambasciatore dell’Uzbekistan Otabek Akbarov, nel suo discorso ha dichiarato che il sostegno ai giovani, la creazione di condizioni per lo sviluppo globale e un’istruzione di qualità sono inclusi nell’agenda della politica statale dell’Uzbekistan. Ha osservato, inoltre, che il Presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha avanzato una serie di proposte e iniziative sistematiche nel campo dell’istruzione, dell’educazione spirituale, morale e fisica dei giovani, che si sono riflesse nel programma statale “La Gioventù è il nostro Futuro” e nella Strategia di Sviluppo del Nuovo Uzbekistan per il 2022-2026.

l Direttore del Museo, il Professor Eike Schmidt, nei suoi saluti di benvenuto ha sottolineato che questo progetto, lanciato alla vigilia della Giornata degli Insegnanti in Uzbekistan, è un primo passo per la realizzazione del progetto di cooperazione tra le Gallerie e il Paese centro asiatico, elaborato con l’Ambasciata dell’Uzbekistan a Roma. Si tratta di un progetto di condivisione di iniziative culturali che sta adesso prendendo forma. Gli Uffizi e l’Ambasciata uzbeka stanno lavorando duramente al programma da diversi mesi.

Di conseguenza, per la prima volta, il più ricco patrimonio culturale conservato nel Museo è diventato disponibile in lingua uzbeka non solo per insegnanti e studenti dell’Uzbekistan come materiale didattico, ma anche per un vasto pubblico dato che tutti e dieci i video sono stati pubblicati sul sito della Galleria degli Uffizi.

Il Direttore del Museo Eike Schmidt ha anche osservato che l’Uzbekistan era un importante centro strategico della Grande Via della Seta, fungendo da centro di scambio e cooperazione tra culture e civiltà diverse. L’Uzbekistan è indissolubilmente legato e si riflette nelle opere d’arte legate all’Asia, che sono state create e trasportate lungo la rotta commerciale dalla Cina all’Europa. È noto che Le Gallerie degli Uffizi custodiscono molti preziosi manufatti asiatici. Secondo Eike Schmidt l’Uzbekistan mantiene attualmente il suo posto come crocevia di interazione economica, culturale e  internazionale. A questo proposito, ha ricordato il vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai tenutosi di recente a Samarcanda.

Questo progetto è stato il risultato di molti mesi di lavoro dei team della Galleria degli Uffizi e dell’Ambasciata dell’Uzbekistan a Roma. I video sono stati tradotti dall’italiano in lingua uzbeka da Komila Kirgizova, cittadina uzbeka, residente stabilmente in Italia. A sua volta l’APEI dell’Uzbekistan ha lavorato alla voce fuori campo dei video e alla creazione di sottotitoli in lingua uzbeka mantenendo il suono originale italiano.

Il progetto, nella fase iniziale, si propone di essere utilizzato nelle scuole professionali create per lavorare con giovani dotati, sostenere le loro iniziative, realizzare il talento e il potenziale delle nuove generazioni, nonché fornire formazione a specialisti di alto livello professionale in grado di rappresentare l’interesse del Paese sulla scena internazionale.

Nella fase successiva, al fine di familiarizzare l’intera popolazione dell’Uzbekistan con le inestimabili opere d’arte conservate nel Museo delle Gallerie degli Uffizi, è prevista la possibilità di utilizzare i video da parte del Ministero della Cultura e del Ministero del Turismo e dei Beni Culturali dell’Uzbekistan. Le Gallerie degli Uffizi hanno inserito questi video, doppiati in uzbeko, in una sezione speciale del proprio portale (https://www.uffizi.it/video-storie/uffizi-in-uzbeko), che aiuterà il vasto pubblico uzbeko a conoscere il patrimonio culturale unico del Museo, nonché promuovere la lingua uzbeka tra i visitatori del sito web.

Le Gallerie degli Uffizi sono il primo museo al mondo aperto al pubblico dal 1769. Lo straordinario complesso museale racchiude il nucleo delle collezioni d’arte, preziosi manufatti e libri dei Medici, degli Asburgo-Lorena e dei Savoia. Si tratta di una straordinaria raccolta di tesori che vanno dall’Antichità al Novecento e, negli anni, le collezioni di Palazzo Pitti e del Giardino di Boboli hanno contribuito alla fama degli Uffizi. Sin dal Rinascimento, questi tre siti museali sono stati collegati tra loro da un’ingegnosa costruzione, il Corridoio Vasariano, e insieme formano uno dei centri culturali più importanti e visitati al mondo. Le Gallerie degli Uffizi sono attualmente il miglior museo del mondo secondo la rivista “Time Out”. Possiede una ricca collezione raggruppata in un unico luogo, che consente una varietà di percorsi tematici e storici, alternativi al consueto modo di visitare le gallerie. L’allestimento e l’ordinamento dei percorsi museali consente al grande pubblico di ripercorrere importanti eventi storici attraverso i celebri monumenti d’arte.

Da destra: Otabek Akbarov, Ambasciatore dell’Uzbekistan, Eike Schmidt, Direttore degli Uffizi, Leonardo Comucci, Console Onorario dell’Uzbekistan, Natalia Mikhed, Consorte del Console Onorario dell’Uzbekistan, Farzona Muminova, Contabilita dell’Ambasciata dell’Uzbekistan, Komila Kirgizova, Traduttrice.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.