Principale Italpress news Rubavano dati sensibili attraverso un malware, un arresto in Olanda

Rubavano dati sensibili attraverso un malware, un arresto in Olanda

BRESCIA (ITALPRESS) – Il Gran Giurì federale di Austin (Texas – USA), nell’ambito di un’operazione internazionale di contrasto alla criminalità informatica, ha annunciato di aver arrestato in Olanda un ucraino di 26 anni per il suo presunto ruolo nella ideazione e gestione di un malware molto insidioso, noto come Raccoon Infostealer, che ha infettato milioni di personal computer in tutto il mondo.Secondo le Autorità statunitensi, l’ucraino, attualmente detenuto nei Paesi Bassi a seguito di un mandato di arresto internazionale emesso dagli organi giudiziari degli Stati Uniti, avrebbe gestito la creazione ed iniziale diffusione del malware Raccoon Infostealer, un malware-as-a-service, o “MaaS”.Infatti, i criminali interessati ad utilizzare la piattaforma illegale per carpire i dati personali delle vittime,potevano utilizzare Raccoon Infostealer semplicemente “affittando” l’accesso al malware per circa 200 dollari al mese,pagati in criptovaluta. Questi individui hanno quindi adottato vari stratagemmi, come il phishing tramite e-mail,per installare il malware sui personal computer delle ignare vittime. Raccoon Infostealer era così in grado diottenere i dati personali degli utenti colpiti, comprese le credenziali di accesso, le informazioni finanziarie e altrirecord personali. Tali informazioni potrebbero peraltro essere state utilizzate per commettere ulteriori reatifinanziari o essere state vendute ad altre persone per commettere nuovi reati, così come potrebbero essere statescambiate sui forum del Dark Web orientati alla criminalità informatica. L’FBI, in collaborazione con le Forze dell’ordine dei Paesi Bassi, la Procura della Repubblica di Brescia e il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, ha smantellato l’infrastruttura digitale a supporto di Raccoon Infostealer, rendendo offline il malware. Inoltre, gli agenti dell’FBI hanno identificatopiù di 50 milioni di credenziali univoche e forme di identificazione (indirizzi e-mail, conti bancari, indirizzi dicriptovaluta, numeri di carte di credito, ecc.) tra i dati rubati, ragione per cui si ipotizza che possano essercimilioni di potenziali vittime in tutto il mondo, tra cui anche italiane (le credenziali riferite ai soli indirizzi mailsembrano superare i quattro milioni).Il cittadino ucraino che ha ideato e gestito il malware Raccoon Infostealer, in attesa di essere estradato negli Stati è accusato di aver commesso diversi reati informatici, frodi telematiche e riciclaggio di denaro.
– foto: agenziafotogramma.it
(ITALPRESS).

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.