Principale Rubriche Libri & Letture consigliate Tutto pronto per “La scuola distrutta” di Stefano d’Errico allo Sporting Club...

Tutto pronto per “La scuola distrutta” di Stefano d’Errico allo Sporting Club di Bisceglie

L’iniziativa si colloca nell’ambito del cartellone “Cultura e Sport” a cura del circolo biscegliese diretto dall’avv. Antonio Belsito

Lunedì 24 ottobre dalle 18:30, presso la sala convegni dello Sporting Club (Strada del Carro, 98) a Bisceglie, si terrà la presentazione del libro dal titolo La scuola distrutta. Trent’anni di svalutazione sistematica dell’educazione pubblica e del Paese (ed. Mimesis, 2019), scritto da Stefano d’Errico. A moderare l’incontro con l’autore sarà la dott.ssa Enza Martina, e prenderanno parte all’iniziativa il Presidente dello Sporting Club avv. Antonio Belsito, il prof. Saverio Mongelli, già Preside; il rag. Vincenzo Valente, la dott.ssa Francesca Preziosa, la dott.ssa Raffaella di Lena e la prof.ssa Antonella De Silvio.

L’incontro letterario si colloca nell’ambito del cartellone “Cultura e Sport” a cura del circolo biscegliese ed è rivolto al personale docente e non docente di tutte le scuole di ogni ordine e grado della Città, ai genitori componenti il Consiglio di Circolo, ai genitori rappresentanti di classe e alle comunità parrocchiali ed educative.

L’evento culturale è espressione delle parole di R. Baden-Powell in The wolf Cub’s handbook (1916): «Ho trovato, per esperienza, che diciotto ragazzi è il numero massimo di cui mi sono potuto occupare individualmente… Naturalmente potreste insegnare esercizi di tipo militare a centoventiquattro, ma non educarli». L’accesso è libero e gratuito.

Il volume – Dalla “carta dei servizi” dell’industriale Lombardi (Ministro nel 1995), con lo studente-cliente e le lettere anonime per valutare gli insegnanti, tutto è diventato “normale”. Normale, con Berlinguer, pareggiare lacune in matematica con “crediti” in educazione motoria, la Gelmini che s’inventa un “tunnel dei neutrini” dall’Aquila alla Svizzera e la Fedeli, diplomata con un titolo triennale.

Legittimo valutare gli studenti con quiz che trasformano la battaglia di Azio nella “battaglia di Anzio” o che i genitori aggrediscano gli insegnanti senza venir denunciati. Che il Ministero neghi i dati sul burn out e contra legem non faccia prevenzione, mentre faccia valutare i docenti da presidi mai formati o valutati e vieti gli scioperi più che nelle unità coronariche. Giacché per l’istruzione investono meno di noi solo Slovacchia, Romania e Bulgaria, con l’80% degli istituti fuori-norma sulla sicurezza e l’obbligo più basso d’Europa, si punta sul liceo scientifico a quattro anni e senza il latino. Un terzo degli insegnanti di sostegno non è specializzato.

Il codice deontologico dell’istruzione pubblica è stato scritto da un cardinale. S’impedisce solo ai sindacati di base il diritto di assemblea durante le elezioni per la rappresentatività e s’impone a tutti i pensionati l’iscrizione ai sindacati di partito. Una riforma chiamata “Buona Scuola” demansiona abilitati per latino e greco a far supplenze nelle primarie, e destina un professore di matematica dove ne serve uno di lettere. I docenti sono relegati nel pubblico impiego ove gli “aumenti” contrattuali non possono superare l’inflazione “programmata”, retribuiti al livello più basso della UE e la metà dei coreani. Così è stata distrutta la scuola. Introduzione di Pino Aprile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.