Principale Arte, Cultura & Società Ad Altamura i monaci buddisti in preghiera al Pulo e...

Ad Altamura i monaci buddisti in preghiera al Pulo e alla Grotta della Capra

Altamura al centro delle preghiere dei monaci buddisti; REDAZIONE ALTAMURA - ALTA MURGIA

Foto di copertina: da dx: padre Tenun; Marta; Tensui, Giovanni Mercadante, giornalista

Il pellegrinaggio al Pulo di un gruppo di monaci buddisti è diventato sempre più frequente, con due visite all’anno: a primavera e in autunno.

Gli onori di casa al gruppo, guidato da Padre Tenun Preatton,  dalla sua compagna  Tensui, entrambi di Milano e accompagnati questa volta da un’altra seguace: Marta di Roma, li ha fatti lo scrivente.

E’ stato informato anzitempo del loro arrivo. Il rapporto si è consolidato con un bella amicizia instaurata da molti anni. La prima visita ad Altamura avvenne nel 2012.

Appuntamento sabato mattina 8 ottobre 2022 alle ore 10.00; inevitabile un ristoro che lo scrivente si è prodigato di portare agli ospiti che nel frattempo avevano già recitato le loro preghiere in giapponese sul ciglio della voragine, dove il sito è fonte di energia spirituale; giornata autunnale soleggiata, splendidamente mite.

Da sx: Giovanni Mercadante; Padre Tenun; Samanta Santarcangelo; Marta; Tensui

Nel frattempo ho segnalato la loro presenza al Presidente del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, Francesco Tarantini;   e alla Vice sindaca avv. Raffaella Petronelli. Purtroppo, sabato scorso la loro agenda era già piena di impegni istituzionali e non è stato possibile fissare un appuntamento.

Una piccola rappresentanza si è materializzata in  quel momento con la presenza inaspettata della guida del Parco Nazionale nella persona di Samanta Santarcangelo, che ha immortalato il momento con brevi scatti fotografici.

Dopo  i  convenevoli, ristorato lo spirito e il corpo, ci siamo diretti alla masseria di Lamalunga, sede dell’uomo arcaico.

Anche qui la gioia degli altri amici  di incontrarli: l’accogliente dott.ssa Donatella Ventura, anima  del Centro  visite di Lamalunga; Raffaele Barone, della piattaforma social “Sei Murgiano”; Francesco Del Vecchio, uno degli scopritori dell’Uomo di Neanthertal.

Anche  qui sono di casa i monaci buddisti.  Accolti con simpatia, caffè  e foto di rito. Questa volta sono andati a pregare nel sito della Grotta della Capra, altro luogo ritenuto sacro; e successivamente nel centro abitato, sul ciglio della rotonda al limite di Viale Martiri.

Da sx: Tensui; Giovanni Mercadante; Donatella Ventura;  Padre Tenun; Raffaele Barone

Padre Tenun segue le indicazioni ricevute dal padre spirituale residente in Giappone. Gli altri luoghi ritenuti sacri e fonti di energie particolari sono: Castel del Monte; Matera; Polignano a Mare, il belvedere dove vengono svolte le gare internazionali di tuffo da grandi altezze.

Insomma, Altamura sta nel cuore dei monaci buddisti. L’accoglienza, il calore umano  dei Murgiani li ha conquistati. Siamo nelle loro preghiere.

Il loro soggiorno si è allungato fino al giorno dopo, domenica 9 ottobre, nella cui mattinata lo scrivente li ha accompagnati a visitare il centro storico, la cattedrale e presentati ad altri amici.

Padre Tenun nella scultura realizzata dallo scultore altamurano Vito Maiullari

Nelle loro preghiere Altamura è al primo posto; la nostra vicinanza per loro è sinonimo di gratificazione spirituale.

Il buddismo è una filosofia di vita; non rinnega altre religioni, anzi sono complementari, perché tutte  sono indirizzate a riconoscere un Ente supremo, un Dio.

Per il buddista vi è una visione che comprende una vita  moralmente corretta con una centralità sulla meditazione che conduce alla riflessione e quindi all’illuminazione.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.