Principale Ambiente & Salute Agroalimentare & Enogastronomia Uva da tavola: pronti a sostenere i produttori anche con contributi straordinari...

Uva da tavola: pronti a sostenere i produttori anche con contributi straordinari e con la Gdo”

L’incontro di questa mattina, nella sede dell’Assessorato regionale Agricoltura, con i produttori del comparto pugliese, le associazioni del settore e i comuni di Rutigliano, Noicattaro, Valenzano, Noicattaro, Mola di Bari e Turi

Questa mattina nella sede dell’assessorato regionale all’Agricoltura si è svolto, in un clima di confronto produttivo, l’incontro dedicato alla questione dei costi dell’uva da tavola, con l’obiettivo di mettere insieme le esigenze di produttori e agricoltori. Presenti l’assessore all’Agricoltura, Donato Pentassuglia, il consigliere regionale e presidente della IV Commissione, Francesco Paolicelli, il direttore del Dipartimento Agricoltura, Gianluca Nardone, i rappresentanti di Cia, Coldiretti, Copagri, del comitato per l’emergenza, le associazioni di categoria e i sindaci dei Comuni di Rutigliano, Giuseppe Valenzano e di Noicattaro, Raimondo Innamorato, e la consigliera comunale di Mola di Bari Mariantonietta Colonna.

Rincari costi di produzione, guerra in Ucraina, stato di calamità sono alcuni dei problemi che stanno avendo impatti traumatici sulle aziende agricole. Primo fra tutti i prezzi dell’uva da tavola spesso al di sotto dei 50 centesimi al chilogrammo, che al consumo arrivano a salire fino a 4 euro.

Rinnovo varietale e diversificazione, contributo straordinario con l’utilizzo della Misura 22 del Programma di Sviluppo Rurale e naturalmente una relazione proattiva con la Grande Distribuzione Organizzata, per ridare forza al comparto dell’uva da tavola, in una rinnovata ottica di promozione del prodotto pugliese: sono questi gli assi portanti sui quali lavorare in un’ottica di programmazione a lungo, medio e breve termine, rimanendo compatti con tutti gli attori della filiera. Condizioni imprescindibili per affrontare le criticità che investono il settore dell’uva da tavola in Puglia secondo l’assessore regionale all’Agricoltura Pentassuglia, ma senza dimenticare le questioni dei carburanti agricoli e del costo dell’energia, da discutere con urgenza con il nuovo governo, insieme al tema delle garanzie bancarie.

L’assessore Pentassuglia si è impegnato a incontrare nei prossimi giorni i rappresentanti della GDO sulla questione dei costi dell’uva da tavola: “Sentiremo le loro ragioni ma dobbiamo lavorare su un’operazione ben più ampia di aiuto e sostegno, che non si limiti solo al negoziare il posizionamento degli scaffali. Il momento è critico, nessuno lo nasconde, ma dobbiamo essere capaci di cogliere nuove opportunità. Per affrontare le difficoltà del settore dell’uva da tavola è partita l’attività con Bruxelles per l’utilizzo della misura 22 come contributo straordinario e sto lavorando sul fronte del marketing territoriale in maniera trasversale, con l’obiettivo di mettere in campo una valorizzazione reale di tutti i nostri prodotti”. E l’uva da tavola di Puglia è naturalmente tra questi.

“Quella di oggi è stata un’occasione di confronto, ma prima di tutto di ascolto – ha detto il consigliere regionale Paolicelli -. Ci è stata richiesta solidarietà da parte di imprenditori, commercianti, agricoltori, padri di famiglia, che ogni giorno con il proprio lavoro contribuiscono a portare avanti l’economia dei nostri territori. Abbiamo il dovere di fermare ogni presunta forma di speculazione sui costi dell’uva, in particolare dell’uva da tavola, che in alcuni casi è arrivata a costare meno di 50 centesimi al chilo. Servono provvedimenti urgenti per il presente e per l’immediato futuro. A partire da un tavolo con la Grande distruzione organizzata, dal lavoro di promozione in Italia e oltre i confini nazionali; lavorare per il rilancio della Igp e investire nell’Organizzazione dei produttori. Inoltre vi sono le varie scadenze di mutui e prestiti agrari che i lavoratori del comparto contraggono per affrontare le diverse annate. Questa nello specifico segnata da rincari dei costi energetici e due importanti grandinate. Non possiamo fissare prezzi sui mercati ma di sicuro possiamo rendere migliori le loro condizioni di lavoro senza anche siano costretti ad affrontare costantemente lo spettro di non rientrare nelle spese o, peggio ancora, di non arrivare a fine mese”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.