Principale Senza categoria Europa Verde in parlamento

Europa Verde in parlamento

Riceviamo e pubblichiamo – Europa Verde Puglia intende ringraziare le elettrici e gli elettori che ci hanno votato e sostenuto.

Grazie al voto dei pugliesi e all’accordo con Sinistra Italiana è stato possibile eleggere in Parlamento dodici Deputati e quattro Senatori.

Un ringraziamento particolare va alle donne e agli uomini che si sono resi disponibili a candidarsi in una delle campagne elettorali più complesse degli ultimi anni, per problemi sistemici, la crisi di governo improvvisa e le distorsioni dovute alla legge elettorale e al taglio dei parlamentari.

Grazie a tutte e a tutti quelli che hanno collaborato a diverso titolo per raggiungere un risultato positivo.
Abbiamo dimostrato che la nostra è una proposta politica credibile a livello nazionale in quanto fondata sulla scienza e sulla mentalità di governo.
Una proposta politica che piace specialmente ai più giovani, mettendo al centro dell’agenda politica l’emergenza climatica, i diritti sociali e civili temi che non possono essere delegati al Pd o al M5S.
Stiamo crescendo ovunque e anche il dato pugliese è in aumento ma c’è ancora tanto da fare. Europa Verde adesso sarà in grado di intervenire sulle tante situazioni di crisi della Puglia grazie ai parlamentari e in particolare ai nostri portavoce nazionale, Angelo Bonelli ed Eleonora Evi. in collaborazione con i referenti locali, i cittadini, le associazioni, le imprese e le istituzioni pugliesi.
Sappiamo che anche Ilaria Cucchi e Aboubakar Soumahoro conoscono bene e amano la Puglia.
Le destre reazionarie hanno proposte pericolose nel campo delle energie, della siderurgia, delle bonifiche, dei diritti e dobbiamo essere pronti ad affrontarle, unendo le forze.
C’è però un dato allarmante su cui invitiamo il centro sinistra a riflettere: le dimensioni dell’astensionismo che riguarda le politiche come le comunali, quasi che fosse inutile esercitare il diritto di voto.
Europa Verde Puglia ritiene urgente avviare una discussione approfondita su questo tema complesso; in prima battuta riteniamo che i sistemi elettorali siano uno degli ostacoli alla partecipazione.
Gli elettori devono poter scegliere il o la candidato/a! A livello regionale le soglie di sbarramento sono di fatto soglie di esclusione che costringono ad alleanze non sempre rispettose del sentire locale oppure a candidature civiche che non hanno riferimenti stabili.
Le prossime regionali si dovrebbero svolgere con un sistema elettorale che rispetti i territori, non per niente la Puglia in passato era declinata al plurale.
E’ comprensibile che i cittadini non si sentano rappresentati da liste astratte rispetto alla realtà locale. Per poter difendere gli ultimi e combattere l’emergenza climatica occorre entrare nelle istituzioni e invece la tendenza degli ultimi quindici anni è stata di ridurre gli spazi democratici.
Europa Verde Puglia
I co-portavoce regionali
Fulvia Gravame e Mimmo Lomelo

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.