Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli 56^ Sagra della Zampina, del bocconcino e del buon vino

56^ Sagra della Zampina, del bocconcino e del buon vino

Tre giorni di Musica, Gastronomia e Spettacolo 30 settembre, 1 e 2 ottobre – Sammichele di Bari 

Una comunità pulsante è pronta ad attendere turisti e visitatori per celebrare la cinquantaseiesima edizione di una sagra che identifica un territorio ricco non solo di sapori e tradizioni popolari, ma anche di peculiarità che il progresso non riesce a cancellare.

Un evento comodo da scoprire in tutti i suoi contenuti proposti in maniera sparsa e suggestiva, e più attento alla qualità dell’offerta per dar vita ad un’esperienza rispettosa di un’ambiente non solo da valorizzare, ma anche da proteggere.

Ritornano come di consueto le aree del gusto a cielo aperto, imbandite a festa, i cui profumi avvolgeranno il cuore del paese e le sue vie principali, da vivere anche a pranzo nella giornata di domenica.

Una sagra resa possibile ancora una volta grazie ad un forte legame tra le macellerie e le associazioni del territorio sotto la regia della locale amministrazione comunale, che intende aggiungere alle sue finalità l’attenzione verso l’ambiente e la sostenibilità in simbiosi con l’integrazione e l’inclusione sociale, stimolata dal forte intento di recuperare gli antichi mestieri ed il concetto di essenzialità d’un tempo, che oggi viene tradotto come “riduzione degli sprechi in unione con le buone pratiche del riutilizzo”. Questo concetto come per magia è racchiuso nell’antica ricetta della Zampina di Sammichele di Bari che vedeva l’utilizzo dei ritagli di lavorazione delle carni opportunamente aromatizzate.

Intorno a questa importante testimonianza, ruoteranno la gran parte delle offerte proposte in una tre giorni fatta non solo di gastronomia autentica, ma anche di mostre, visite guidate, attività esperienziali, mercatini artigianali e del riuso, vetrine di prodotti tipici a km 0, dibattiti, escursioni, laboratori didattici, attività ludiche, luna park, esibizioni di artisti di strada e concerti diffusi.

Adottare le buone pratiche per accrescere l’impronta sostenibile significa intraprendere un cammino verso una scelta responsabile voluta dagli Assessorati alle Attività Produttive, alla Cultura e al Turismo di una riconfermata amministrazione comunale ancora più determinata a valorizzare, promuovere e salvaguardare l’originalità dei luoghi e della propria comunità.

Ogni sera piazza Vittorio Veneto sarà caratterizzata dal Carnevale Sammichelino che, con la tradizione dei festini, rappresentati per l’occasione dal progetto “La Casa Del Carnevale”, si contraddistinguerà per la sua unicità. Un antico rito popolare, rimasto fedele al suo format grazie alla passione e all’impegno dei cittadini. Un patrimonio immateriale riconosciuto anche dal Ministero della Cultura, che lo ha inserito nell’elenco dei Carnevali Storici Italiani.

Nello specifico, sempre nell’ottica della rete tra comunità, “l’Homene Curte” (maschera tipica del luogo) ospiterà la gustosissima e pregiata farinella di Putignano che incontrerà la zampina in un clima di folklore e simpatia. Ad arricchire il programma dei contenuti affini al Carnevale, ci sarà la cartapesta in veste ludica e una rappresentazione suggestiva de “I Diavoli della Tufara”, provenienti dal Molise, insieme ai riti legati al Carnevale popolare putignanese che, per l’occasione, celebreranno il “Funerale della Zampina” in chiave ironica, incorniciato da sonorità di un tempo.

Degno di nota è il recentissimo riconoscimento del presidio Slow Food che il Comune di Sammichele di Bari ha ricevuto per la “Fecazz a Livre” presso il salone Terra Madre della Fiera di Torino, che sarà ufficializzato domenica 2 ottobre alle ore 12:00 presso il Castello Caracciolo. La Sagra ospiterà inoltre delle delegazioni locali che esalteranno le identità gastronomiche dei Comuni di Turi (faldacchea), Sannicandro di Bari (olive), Crispiano (pomodorino giallorosso).

Non mancherà la kermesse musicale in piazza Vittorio Veneto che vedrà come di consueto l’alternarsi di artisti famosi come Orietta Berti, Corona, Haiducii e Beppe Junior, mentre presso l’area del Castello Caracciolo, oltre le visite guidate alla scoperta del Museo della Civiltà Contadina “Dino Bianco”, sarà allestita una vera e propria vetrina sostenibile “O che bel Castello…” tesa ad esaltare la forte relazione tra le tradizioni del territorio e l’impronta socio ambientale del progetto “È Peccato” dove il Comune di Sammichele di Bari è partner istituzionale, insieme ad ANPIT Bari (Associazione Nazionale Per l’Industria e il Terziario) e l’associazione Trullando.

Curiosità: al fine di stimolare i giovani abitanti a focalizzare il valore potenziale dell’evento, inteso come contenitore ricco di opportunità, si è deciso di coinvolgere la generazione Z in tutte le fasi dell’organizzazione della Sagra, così da creare le condizioni di garanzia di continuità, cogliendo nel contempo suggerimenti e spunti utili all’aggiornamento del format.

L’evento è organizzato dal Comune di Sammichele di Bari con il sostegno di: Ministero della Cultura, Regione Puglia (Dipartimento Agricoltura, Sviluppo rurale ed ambientale), Città Metropolitana di Bari, Pugliapromozione, Anpit Bari, in partnership esecutiva con le Associazioni Sammichele Tutto l’Anno e Trullando ed in collaborazione con le Associazioni: Pubblica Assistenza Sammichele, Incant, AgriCultura, Amici delle Muse, Pro Loco “Dino Bianco”, L’Angoletto dei Pittori, Fotoviaggiatore, La Piazza dei Collezionisti.

CONTATTI

Link evento facebook: https://fb.me/e/2MkxaWSh2

Pagina facebook: https://www.facebook.com/sagradellazampinaofficial Profilo Instagram: https://www.instagram.com/sagradellazampina_official

Info evento: 389 433 1370 (anche whatsapp)

polizia locale: 080 891 8201

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.