Principale Cronaca Agricoltore vittima di usura nel barese fa arrestare i suoi aguzzini

Agricoltore vittima di usura nel barese fa arrestare i suoi aguzzini

La vittima in dieci anni avrebbe consegnato tra i 300 e i 400 mila euro ai malviventi e costretto a vendere sottocosto anche beni di famiglia.

AGI – In cinque avrebbero estorto denaro ad un imprenditore agricolo del Barese per 10 anni, dal 2008 al 2018 e in parte del 2020.

Dopo la denuncia presentata dall’uomo e le indagini condotte dai carabinieri, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, dei presunti autori, tutti residenti tra Bari, Triggiano e Rutigliano, tre sono finiti in carcere, uno ai domiciliari, l’altro con l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, con l’accusa di usura, estorsione aggravata dal metodo mafioso, spaccio di sostanza stupefacente e favoreggiamento.

Le indagini hanno fatto emergere che un 41enne, in concorso con la madre 67enne e un 72enne di Bari, con il ruolo di mediatore, a fronte di un prestito concesso all’imprenditore, nei primi mesi del 2008, di complessivi 40.000 euro, avrebbe imposto la corresponsione di interessi usurai pari a 4.000 euro mensili, fino a pretendere, in seguito al ritardo nel pagamento delle rate, interessi di mora fino a 9.500 euro mensili.

In dieci anni, dunque, la vittima avrebbe corrisposto agli aguzzini tra i 300 e i 400 mila euro e venduto sottocosto anche beni di famiglia come un appartamento e alcuni veicoli agricoli. Il 41enne e il fratello 46enne, inoltre, tra il 2008 e il 2018, avrebbero costretto la vittima a corrispondere loro le somme illecitamente pretese a titolo di interessi usurai, mediante l’uso di violenza e minaccia, con diverse aggressioni fisiche e con frasi del tipo “ti spacco i denti”, “ti uccido”, “so dove vivi e ti vengo a cercare”, il tutto avvalendosi della forza di intimidazione derivante dalla appartenenza del 46enne al clan Parisi.

In una circostanza la vittima, a seguito dell’aggressione subita, è stata ricoverata in ospedale per trauma cranico e contusione alla piramide nasale, mentre in un altro episodio sarebbe stata presa a calci, schiaffi e ginocchiate.

Le minacce sarebbero state rivolte anche nei confronti dei familiari dell’imprenditore, tanto che la sorella aveva deciso di emigrare negli Stati Uniti.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.