Principale Ambiente & Salute Sentenza Corte d’Appello su Punta Perotti

Sentenza Corte d’Appello su Punta Perotti

IL SINDACO: “IL GIUDIZIO RICONOSCE UNA MINIMA PARTE DELLA CIFRA RICHIESTA DALL’AZIENDA

E CHIARISCE RESPONSABILITÀ DI ATTI RISALENTI AGLI ANNI 90”

La Corte d’Appello di Bari ha reso pubblica la sentenza nel giudizio di secondo grado proposto dalla SudFondi con riferimento ai presunti danni derivanti dalla nota vicenda di Punta Perotti.

La sentenza, molto articolata e corposa, è in fase di esame da parte del collegio difensivo del Comune di Bari. Preme tuttavia far presente che la Corte d’Appello ha enormemente ridimensionato la richiesta della società costruttrice che ammontava a circa 540 milioni di euro. La Corte ha, inoltre, respinto la maggioranza delle richieste avanzate dalla SudFondi, accogliendo solo una parte della domanda, limitando il danno risarcibile a poco più di 8 milioni euro, oltre interessi.

La condanna – così limitata – è nei confronti in solido del Ministero dei Beni Culturali, della Regione Puglia e del Comune per atti amministrativi, adottati agli inizi degli anni 90. All’esito dell’esame della sentenza, il Comune valuterà l’eventuale impugnazione del provvedimento, il cui limitato esito negativo è ampiamente coperto dai fondi rischi appostati da questa amministrazione nel proprio bilancio.

“Nella fattispecie – spiega il sindaco – è bene chiarire che il Comune di Bari oggi è chiamato a farsi carico di responsabilità ascrivibili all’epoca in cui vennero rilasciati i titoli edilizi, risalenti agli anni 90. La sentenza chiarisce però inequivocabilmente che la richieste esorbitanti proposte dalla società costruttrice erano infondate per il 98%. Sarebbero infatti dovuti solo 8 milioni rispetto ai 540 milioni richiesti”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.