Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Un 11 settembre in provincia di Lecce

Un 11 settembre in provincia di Lecce

L’11 settembre è una data che è spesso e chiaramente accomunata agli attentati delle Torri Gemelle, certo non è che sia sbagliato ogni tanto ricordarsi del male fatto dal terrorismo, ma a volte quella data coincide anche con una serie di interessanti appuntamenti che vanno dalla musica al teatro, alle visite guidate. Eh si in questo 11 settembre di cose in provincia di Lecce ce ne saranno ed infatti si parte con

Domenica 11 settembre alle 21 (ingresso gratuito – info 3892105991 – teatro@astragali.org) nelle sale della Distilleria de Giorgi di San Cesario di Lecce, il ricco programma di “Daimon“, seconda edizione della Summer School di filosofia a cura della rivista Kaiak. A philosophical journey e della compagnia Astràgali Teatro, con il patrocinio dell’Università del Salento e della Società Filosofica Italiana, si conclude con “Ròma! Suoni, parole tamburi della cultura Rom“. Le musiche di Claudio “Cavallo” Giagnotti si intrecciano al tessuto di parole curato da Fabio Tolledi e alle video-proiezioni di immagini inedite, frutto di una ricerca condotta tra le famiglie Rom del Salento. Lo spettacolo/concerto è il frutto della collaborazione tra Astràgali Teatro, compagnia teatrale pugliese impegnata da anni in un lavoro di ricognizione e ricerca delle culture mediterranee e del vicino oriente, e Mascarimirì, storico gruppo musicale salentino guidato da Claudio “Cavallo” Giagnotti, musicista di origini Rom che ha fatto della ‘tradinnovazione’ la cifra più propria e innovativa della sua ricerca musicale. Un viaggio in cui si incontrano parole, suoni e visioni per dire della bellezza e della forza di una tradizione e di una lingua sconosciute, spesso violentate da pregiudizi e ostilità. Storie e canti romanì si dipanano con la segreta speranza di sconfiggere il pregiudizio e favorire la conoscenza di una cultura straordinaria e ricchissima. Alle origini di Ròma vi è il lavoro di scavo condotto da Giagnotti sulle origini e sulla storia della sua famiglia, divenuto ben presto un percorso di riscoperta delle radici sociali, economiche, culturali e artistiche delle famiglie Rom salentine. Riscoperta delle radici e, al contempo, del rapporto con il territorio intorno fatto di intrecci, ibridazioni, accettazione e rifiuto. Una vicenda straordinaria, le cui tracce vivissime arrivano intatte fino a noi. Da giovedì 8 settembre, la Summer School di filosofia (con sessioni dalle 10 e dalle 16 riservate alle iscritte e agli iscritti) ha proposto quattro giorni di lecture, seminari e interventi di importanti studiosi e ricercatori sul tema del “demonico” come regno delle influenze, delle connessioni, delle necessarie ibridazioni. Daimon rientra nel progetto “Teatri a Sud“, ideato e promosso dalla compagnia salentina Astràgali Teatro con il sostegno del Ministero della Cultura, in collaborazione con Regione Puglia, Università del Salento e con le amministrazioni comunali di Lecce, Cavallino e San Cesario di Lecce. Info www.astragali.it.

“Sta Per Nascere Un Teatro” all’ex Macello di Corsano

Domenica 11 settembre dalle 19 (ingresso libero) al Lug – Centro Culturale Ex Macello di Corsano con  “Sta per nascere un teatro” si festeggerà l’inaugurazione della rinnovata sala teatrale. Dopo aver ospitato per anni attività formative e performative con un ampio coinvolgimento di pubblico, la sala si presenta ora completamente rinnovata grazie ad un intervento di design interno e all’implementazione della dotazione tecnologica. Il progetto – coordinato dall’Ats guidata dall’associazione Tarantarte che gestisce lo spazio – è stato realizzato grazie al finanziamento nell’ambito dell’Avviso “Spazi di prossimità” di Regione Puglia (Assessorato alle politiche giovanili), A.R.T.I (Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione) e Presidenza del Consiglio dei Ministri. Dopo il taglio del nastro, dalle 20:30 spazio allo spettacolo per burattini “Lu scazzamurreddhu innamorato” di Tina Aretano con accompagnamento musicale dal vivo a cura di Rocco Nigro. Alle 21:30 la serata si concluderà con “Mediterraneo Contemporaneo” del violoncellista Redi Hasa e del fisarmonicista Rocco Nigro. Il duo, nato nel fertile territorio musicale del “rinascimento” salentino degli ultimi decenni, propone un repertorio di brani inediti e melodie inusuali, composizioni ispirate alla ricerca dell’essenzialità. Radici musicali che congiungono due sponde dell’Adriatico, evocando sonorità ancestrali che attingono dalla grande tradizione dei Balcani e del Sud Italia e la portano verso esiti molto vicini alle invenzioni e al clima della migliore musica contemporanea. Numerose sono le incisioni discografiche in cui i due artisti si sono affiancati e molteplici le collaborazioni: Antonio Castrignanò, Cesare Dell’Anna, Rachele Andrioli, Enza Pagliara, Giancarlo Paglialunga, Dario Muci, Valerio Daniele, la Fanfara Tirana, tra i più importanti. Negli ultimi anni sono stati ospiti di numerosi festival e rassegne in tutt’Italia. Nel corso della serata saranno anche allestite le mostre di Tamara Triffez e  Tonio Martella. Ingresso libero. Info 3492561471 – info@tarantarte.it – macello.org.

“Trilogia Dalla” con Cortese, Perrone e Bemolle a Corigliano D’Otranto

Domenica 11 settembre (ore 21:30 – contributo associativo 7 euro) l’Art&Lab Lu Mbroia di Corigliano d’Otranto ospita “Trilogia Dalla”. Michele Cortese (voce), Simone Perrone (voce) e Matteo Bemolle (pianoforte) racconteranno e interpreteranno i brani più rappresentativi dei tre dischi più rilevanti della produzione di Lucio Dalla, quelli che nel giro di soli quattro anni segnarono l’inizio della carriera del Dalla cantautore puro, cioè autore delle proprie musiche e dei propri testi: “Com’è profondo il mare” (1977), “Lucio Dalla” (1979), “Dalla” (1980). In scaletta anche alcune canzoni immancabili, fuori da questa trilogia, ma immortali nella storia musicale del cantautore bolognese. Prima del concerto (dalle 20:30) sarà possibile degustare primi e secondi piatti, insalatone, verdure accompagnati dai vini della Cantina Duca Carlo Guarini. Info e prenotazioni 3381200398 – lumbroia@massimodonno.it.

Un Teatro nel Bosco a Trepuzzi con un laboratorio e lo spettacolo “Corri Dafne”  Teatro nel Bosco a Trepuzzi con un laboratorio e lo spettacolo “Corri Dafne”

Domenica 11 settembre nel Boschetto di San Vito a Trepuzzi prosegue “Un teatro nel bosco”, percorso in tre appuntamenti promosso da Factory Compagnia Transadriatica in collaborazione con Blablabla, Comune di Trepuzzi e Regione Puglia nell’ambito del progetto artistico “Legami_Teatri del nord Salento”. La seconda serata partirà alle 18:30 (ingresso libero – max 15 persone) con “Ad abbracciare gli alberi”, laboratorio a cura di BlaBlaBla. A seguire dalle 20 (ingresso 2 euro – info e prenotazioni 3207087223 – 3403129308) lo spettacolo “Corri, Dafne” di Factory Compagnia Transadriatica e Tessuto Corporeo di e con Ilaria Carlucci per la regia di Alberto Cacopardi. Sulla riva limacciosa di un fiume, in una notte di luna piena, nasce dal fango una ninfa. Leggera, curiosa, spettinata, ribelle. È Dafne, che nuota, salta, rotola, si arrampica come gli animali del bosco. Dafne vuole solo correre ed essere libera. Intanto il cielo sopra gli alberi è irradiato dalla luce del carro del Sole. guidato da un cocchiere d’eccezione: Apollo, il più bello tra tutti gli dèi, spocchioso, egocentrico, tanto desiderato quanto sprezzante. Due mondi lontani, quelli della ninfa e del dio, si incontrano per l’intervento dispettoso di Cupido, il bambino eterno, il dio dell’amore. Apollo ama per la prima volta e il desiderio lo acceca. Dafne, colpita dalla freccia del disamore, lo fugge e vuole restare per sempre una ninfa libera. Che cosa accade se comincia a correre? Correre via, da tutto e tutti, via da casa, dalla sequoia, dalle sorelle, dal padre, dal vestito da sposa, dalle braccia di un dio sconosciuto. Correre libera, correre forte, si, ma verso cosa? “Corri, Dafne!” gioca con la materia del mito e con i fili invisibili che muovono le vite di tutti, che siano potenti creature divine o silenziosi abitanti del bosco, alla ricerca della sottile linea di confine tra l’amore per l’altro e l’amore per sé. Info 3776954833 – segreteria@liuccifestival.it – www.liuccifestival.it.

Visita guidata al Parco Archeologico di Rudiae

Domenica 11 settembre alle 17 (prenotazione obbligatoria) nuova visita guidata nel Parco Archeologico di Rudiae. Dallo scorso week end, infatti, il parco è nuovamente aperto grazie a un accordo di promozione e valorizzazione stipulato tra la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce, il Comune di Lecce e la società Archeologia, Ricerca e Valorizzazione SRL – A.R.Va.  Dal 2018 sono, infatti, fruibili sia gli scavi archeologici (“Fondo Acchiatura”) della città fondata dai Messapi sia l’Anfiteatro romano, costruito nei primi anni del II sec. d.C., durante il regno di Traiano, e riportato alla luce recentemente. Lecce può vantare, infatti, due anfiteatri romani a distanza di pochi chilometri: quello di Lupiae in Piazza Sant’Oronzo, nel cuore della città, e quello dell’antica Rudiae, nelle campagne alle porte del capoluogo salentino. Durante le visite sarà ricordata anche la figura di Otacilia Secundilla, una giovane donna romana vissuta duemila anni fa che, con la sua opera filantropica ha donato le economie per la costruzione dell’Anfiteatro nella patria del poeta Quinto Ennio (239 a.C. – 169 a.C.) e di Sant’Oronzo (22 d.C. – 68 d.C.). Biglietto intero 8 euro – ridotto 6 euro – ulteriori agevolazioni per gruppi, studenti, residenti a Lecce e per chi raggiunge il Parco a piedi o in bicicletta. Gratuito bambine e bambini under 10 anni, portatori di disabilità e accompagnatore, insegnanti, guide turistiche e accompagnatori abilitati. Per prenotazioni 3491186667 – 3495907685 – info@parcoarcheologicorudiae.it o tramite i canali social  @parcoarcheologicorudiae.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.