Principale Arte, Cultura & Società Stop a barriere e pregiudizi sulla disabilità

Stop a barriere e pregiudizi sulla disabilità

È forte e chiaro il messaggio della prima giornata dello sport inclusivo a San Giovanni Rotondo

Neanche il tempo incerto e qualche goccia di pioggia sono riusciti a fermare la grande festa dello sport inclusivo che si è svolta ieri a San Giovanni Rotondo. Nel primo pomeriggio, gli atleti si sono incontrati in Piazza dei martiri per dare avvio alla fiaccolata e raggiungere il parco del papa, dove hanno trovato ad attenderli una folla di bambini, giovani e adulti impegnati nelle varie discipline sportive. Parola d’ordine: inclusione, ma non solo. Gioia, spensieratezza e grande unione tra tutti i partecipanti, che si sono aiutati gli uni con gli altri, hanno gareggiato, divertendosi, dandosi una mano quando si rendeva necessario, abbattendo quelle barriere mentali e fisiche, quei pregiudizi di chi crede che la vera inclusione non sia ancora davvero possibile.

Padrino e ospite d’onore della giornata Sebastiano Gravina: classe 1990 e cieco dalla nascita, è di origini pugliesi ma vive a Pietra Ligure e, oltre a essere protagonista con l’Italia nella specialità del calcio a 5 categoria B1, è anche una star su Instagram. Vulcanico, sul suo profilo, che conta più di ventimila follower, e che si chiama “Videociecato”, descrive con grande leggerezza ed ironia la sua quotidianità e le sue avventure sportive. Sebastiano ieri si è cimentato nei vari sport, mettendosi in gioco a 360 gradi e dimostrando una grande tenacia, regalando un sorriso a tutti i presenti.

«Grazie a tutti per le emozioni che mi avete regalato. Grazie alle associazioni sportive, a quelle di volontariato, a quelle che operano nel sociale, un immenso grazie alle oltre mille persone che ieri hanno partecipato a questa bellissima giornata di sport inclusivo. Un doveroso grazie lo devo al comitato Paralimpico, al Coni, a Sport e salute e alla UISP. Infine, un affettuoso grazie va a chi ha creduto in questo progetto e ci ha messo il cuore e l’anima perché tutto ciò avvenisse»  ha commentato l’Assessore allo Sport, Pasquale Chindamo.

«Siamo impegnati in questo percorso per l’inclusione già da qualche anno e, ad oggi, posso dire che i frutti iniziano a farsi vedere in maniera evidente. Guardare il parco del papa pieno di ragazzi, bambini, normodotati e disabili che si sono allenati insieme cimentandosi in ogni tipo di attività è stato un toccasana per il cuore. È questo il mondo che vogliamo lasciare ai nosti figli» ha spiegato il sindaco Michele Crisetti.  

In chiusura della giornata-evento per l’inclusione, un momento è stato dedicato alla premiazione degli atleti e delle società sportive sangiovannesi che si sono distinte nelle varie discipline sportive a livello regionale e nazionale portando alto il nome della città di San Pio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.