Principale Arte, Cultura & Società Sport & Motori Serie A, Top e Flop della 3ª giornata

Serie A, Top e Flop della 3ª giornata

Il weekend della terza giornata di Serie A si è aperto con due partite avvincenti per motivazioni diverse – il Monza del patron Berlusconi, in cerca di riscatto contro l’Udinese dopo due sonore sconfitte nelle prime uscite, e l’Inter impegnata nel primo vero big match della stagione all’Olimpico contro la Lazio. Doccia fredda per entrambe le compagini, uscite sconfitte rispettivamente per 1-2 e 3-1. Al Brianteo, non basta il vantaggio iniziale siglato da Colpani Beto e Udogie ribaltano la partita e regalano i 3 punti a mister Sottil. All’Olimpico dopo le reti di Felipe Anderson e Lautaro Martinez entrano in scena i subentrati di Sarri, in particolare Luis Alberto autore di una rete fantastica per il momentaneo 2-1 biancoceleste e Pedro autore del 3-1 che sanciscono la vittoria finale della squadra di casa. Deludenti le scelte di formazioni iniziali e la gestione cambi da parte di Inzaghi.

Nel match più interessante della giornata, una Juventus in palla non riesce a portare a casa i 3 punti tra le mura amiche contro la Roma. Le ambizioni di Vlahovic, autore di un gran gol su punizione, e compagni vanno a sbattere sul muro eretto dalla difesa romanista capitanata da Smalling, che si conferma uno dei migliori difensori del campionato.

Menzione particolare per Dybala – il grande ex di giornata fa fatica, ma quando si accende sforna giocate di qualità come in occasione dell’assist per Abraham che ferma il risultato sull’1-1 finale.

Risultati positivi per il Milan e il Torino che balzano in testa alla classifica con 7 punti. A San Siro contro il Bologna si accende il neo acquisto rossonero De Ketelaere che unisce giocate interessanti ad una grande fisicità – è suo l’assist per il vantaggio di Leao. Chiude la partita Giroud con un bel gol in mezza rovesciata. Continua la marcia degli uomini di Juric che vincono per 2-1 una partita ostica a Cremona. In grande spolvero il gioiellino serbo Radonjic, autore del momentaneo 0-2, che sembra aver trovato la dimensione giusta per esprimere le sue qualità. Apre la partita Vlasic con il suo primo gol in Serie A; non basta la perla di Sernicola all’80’ per la squadra di Alvini per agguantare primi punti di questa stagione.

Finisce in parità la sfida tra Spezia e Sassuolo. L’ex interista Pinamonti si prende l’attacco neroverde approfittando anche delle disattenzioni della difesa di mister Gotti. Sul suo gol c’è infatti un indecisione clamorosa tra Dragowski e Caldara che spianano la strada per la rete del 2-2 all’attaccante italiano. Nonostante l’errore, il portiere polacco si rende autore di due parate fondamentali negli ultimi minuti che tengono a galla la squadra di casa, rimasta in 10 per l’espulsione di Ekdal. Timbrano il tabellino finale Frattesi per il Sassuolo, Bastoni e N’Zola su rigore per lo Spezia.

Continua a non convincere l’Atalanta, nonostante la vittoria per 1-0 in casa del Verona. La squadra di Gasperini appare lontana parente di quella ammirata negli ultimi anni, anche a causa delle numerose trattative di mercato che la riguardano. Nonostante questo, arrivano i 3 punti per la Dea – decide la rete dell’olandese classe ’98 Koopmeiners con un gran sinistro dai 25 metri.

Prima vittoria stagionale per la Salernitana che batte con un sonoro 4-0 una Sampdoria con

le idee ancora poco chiare. Mattatori della serata sono i nuovi acquisti granata Vilhena, Botheim e Dia (autore anche di due assist). In gol anche Bonazzoli.

Terminano in parità i due posticipi serali. Al Franchi, il Napoli non va oltre lo 0-0 in una partita molto bloccata. Da segnalare il duello tra Dodò e Kvaratskhelia che vede il primo uscirne vincitore in quasi tutte le situazioni tranne in una in cui il georgiano libera Lozano solo davanti a Gollini – il messicano, però, spreca tutto. Annullato un gol ad Osimhen in posizione di fuorigioco. Al Via del Mare, Lecce e Empoli non vanno oltre l’1-1. Passa la squadra ospite con la rete di Parisi, fortunato a trovare una deviazione di Baschirotto. Per i giallorossi il pareggio arriva con un gran gol dal limite di Strefezza, abile a scaraventare in rete un assist del giovane Banda, il migliore in campo.

Emanuele Ferrelli

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.