Principale Arte, Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli Nuovi appuntamenti a Lu Mbroia di Corigliano D’Otranto

Nuovi appuntamenti a Lu Mbroia di Corigliano D’Otranto

Prosegue la programmazione di concerti, appuntamenti e rassegne dell’Art&Lab Lu Mbroia di Corigliano d’Otranto sulla Via vicinale di Sternatia – Corigliano D’Otranto (Le).

Si parte giovedì 25 agosto (ore 21:30 – contributo associativo 7 euro) appuntamento con la presentazione del libro “Fra la via Emilia e il West. Francesco Guccini: le radici, i luoghi, la poetica” con l’autore Paolo Talanca (critico musicale, docente, saggista e direttore artistico di vari festival, rassegne e iniziative) e gli interventi musicali di Massimo Donno, che proporrà una ricca selezione di brani del cantautore emiliano. Francesco Guccini è uno dei principali rappresentanti della canzone d’autore italiana. Cantautore di culto, è diventato un punto di riferimento della cultura italiana soprattutto per via dell’aderenza totale tra la sua vita, le proprie scelte e le proprie canzoni. Il libro rintraccia i luoghi fondamentali della sua vita, i ricordi, gli aneddoti e le letture amate che costituiscono riferimenti essenziali della sua poetica. Dagli esordi del beat, con brani simbolo per un’intera generazione come Dio è morto o Auschwitz, passando per la stagione d’oro dei cantautori, quegli anni Settanta in cui è stato un riferimento cruciale grazie a canzoni come La locomotiva o Eskimo.

Venerdì 26 agosto (ore 21:30 – contributo associativo 7 euro) sul palco tornano i Ghetonia, una delle realtà più importanti e longeve della musica popolare salentina. Il gruppo ha come principale animatore Roberto Licci (voce e chitarra acustica), che già dall’inizio degli anni ’70 si interessava di canto e musica popolare di Terra d’Otranto e della Grecìa Salentina. In questi anni si è dedicato in maniera specifica allo studio della canzone grika, ricreandola e arricchendola, contribuendo così a dare visibilità a questa lingua attraverso la musica. Il gruppo, che ha prodotto e pubblicato una ricca discografia, non si è limitato ad interpretare i canti della tradizione, ma ne ha composti di nuovi, utilizzando poesie popolari in griko e testi poetici colti, soprattutto di Vito Domenico Palumbo. I Ghetonia si sono esibiti in Italia e all’estero, partecipando a festival e rassegne in Grecia, Iraq, Cuba, Isole di Capo Verde, Francia, Madeira, Spagna, Romania, Germania, Stati Uniti, Inghilterra, Svizzera, Portogallo.

Domenica 28 agosto (ore 21:30 – contributo associativo 7 euro) ultimo appuntamento del mese, con il progetto I Mascarimiri cantano gli Ucci. “Quando nel 1994 il fotografo Fernando Bevilacqua mi ha fatto conoscere la magia della musica degli Ucci è stato amore a prima vista”, racconta Claudio Cavallo Giagnotti, leader dei Mascarimirì. “Un repertorio vasto fatto di canti – soprattutto narrativi, di lavoro, di protesta – ma soprattutto con l’accento inconfondibile sulla Pizzica Pizzica. E poi canti su tamburo a due voci botta e risposta, unico ed inconfondibile, poi Lu Santu Lazzaro con una versione alla Cutrofianese e tanto tanto ancora”. Lo spettacolo rappresenta, dunque, un omaggio a quei tempi dove la timidezza regnava nell’ascoltare la voce dell’anziano pieno di saperi e sapori sul canto salentino, melodie rare, voci stupende e soprattutto la purezza nel trovarsi a cantare con gli amici di sempre. Claudio Cavallo Giagnotti (voce e tamburreddhu) è affiancato da Gabriele Martino (voce e mandolino), Alessandro Schito (voce e tamburreddhu), Matteo Tornesello (chitarra elettrica) con la partecipazione di Francesco Mancini (chitarra classica), Riccardo Luchena (basso) e Lucio Stefano (batteria).

Prima dei concerti (dalle 20:30) sarà possibile degustare primi e secondi piatti, insalatone, verdure accompagnati dai vini della Cantina Duca Carlo Guarini.

Info e prenotazioni 3381200398 – lumbroia@massimodonno.it

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.