Principale Cronaca La vittima dello stupro di Piacenza: “Sono disperata, mi hanno riconosciuta in...

La vittima dello stupro di Piacenza: “Sono disperata, mi hanno riconosciuta in quel video”

La Procura indaga per ‘diffusione di materiale con atti sessuali’. Sul filmato si sono scontrati Giorgia Meloni, che l’ha postato su Facebook, ed Enrico Letta. Intanto la vittima si è detta “disperata” per essere stata riconosciuta.

di Manuela D’Alessandro

La Procura di Piacenza indaga a carico di ignoti sulla diffusione del video dello stupro di domenica sera  su siti, testate giornalistiche e sul profilo Facebook di Giorgia Meloni.

Il reato ipotizzato è ‘diffusione senza consenso di materiale riproducente  atti sessuali’. “Sono disperata, sono stata riconosciuta per colpa di quelle immagini” ha detto lunedì la vittima agli inquirenti che l’hanno sentita per ricostruire l’accaduto.

La donna di origine ucraina vive e lavora in Italia da molti anni. Sulla diffusione delle immagini ha aperto un’istruttoria anche il Garante della privacy.

Il filmato della violenza per la quale è stato arrestato un richiedente asilo della Guinea è stato girato da un cittadino che ha anche chiamato i soccorsi ed è fiinito rapidamente in rete provocando uno scontro tra la leader di Fratelli d’Italia e il segretario del Pd, Enrico Letta che ha definito “indecente” la pubblicazione sul social della rivale. “Mi vergogno francamente di leader che usano uno stupro per attaccare me” aveva ribattuto lei.

Un rimpallo di accuse tra i due leader per aver pubblicato, Meloni, le immagini della violenza subita da una donna in strada da parte di un 27enne della Guinea richiedente asilo. “Dà l’idea del livello di cinismo” per Letta che, secondo Meloni, “fa bieca propaganda”

Il video, nel frattempo, è stato rimosso dal profilo di Meloni.  L’articolo 734 bis del codice penale ipotizza un reato a carico di chi “porta a conoscenza di un numero indeterminato di persone le generalità o l’immagine della vittima, senza il suo consenso, attraverso modalità che comunque consentano di poter risalire alla persona offesa”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.