Principale Arte, Cultura & Società Formazione & Scuola Croas Puglia e A.Re.S.S. Puglia insieme contro il gioco d’azzardo

Croas Puglia e A.Re.S.S. Puglia insieme contro il gioco d’azzardo

Siglato il protocollo di collaborazione per la formazione professionale degli assistenti sociali. La presidente Milena Matera: «Importante occasione di crescita professionale per la nostra categoria» 

BARI – Un percorso di formazione continua sul tema dei disturbi dalla dipendenza del gioco d’azzardo: lavorare in sinergia per mettere in campo ogni azione utile a contrastare un fenomeno sempre più dilagante.

Con questo obiettivo Croas Puglia (Consiglio regionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali) e A.Re.S.S. Puglia (Agenzia Regionale per la Salute e il Sociale) hanno siglato un protocollo di intesa.

Con il documento Croas Puglia e A.Re.S.S. si impegnano, per tre anni, a supportare il riconoscimento dei crediti formativi per assistenti sociali oltre che quelli per Ecm (Educazione continua in medicina).

L’A.Re.S.S Puglia è stata delegata dalla Regione alla realizzazione del corso di formazione sulla prevenzione, cura e riabilitazione del disturbo da gioco d’azzardo rivolto a tutti gli operatori delle équipe multidisciplinari dei dipartimenti delle Dipendenze e del privato sociale accreditato della Puglia.

«Il gioco d’azzardo è un comportamento a rischio che, in particolare in gruppi di persone ad alta vulnerabilità, può sfociare in una vera e propria dipendenza comportamentale riconosciuta come una dipendenza patologica – spiega Milena Matera, presidente Croas Puglia –. È un disturbo compulsivo complesso, che può comportare gravi disagi sia per la persona, derivanti dall’incontrollabilità del proprio comportamento di gioco, sia per la famiglia, a causa delle gravi ripercussioni di tipo affettivo, relazionale e finanziario. Le proficue relazioni istituzionali tra l’A.Re.S.S. Puglia e il nostro Ordine, hanno messo in luce l’opportunità tecnico-scientifica di estendere a tutti gli assistenti sociali la fruizione del percorso di formazione che è una importante occasione di crescita professionale per la nostra categoria. Ringraziamo il dott. Giovanni Gorgoni, direttore generale di A.Re.S.S., il dott. Ettore Attolini, Marta Basile, tutti i dipendenti del Servizio Formazione e innovazione dei Saperi e dell’A.Re.S.S. per aver reso possibile questa proficua sinergia».

«Abbiamo aderito subito alla richiesta di partnership formativa del Croas per fedeltà alla missione di A.Re.S.S.  che include anche l’innovazione nel campo del sociale – dice Gorgoni – e perché siamo fortemente convinti che l’asset più importante su cui investire per la nuova normalità sono i saperi professionali, che non possono essere innovato senza partire – e tornare – dal punto di vista dei professionisti che hanno il contatto diretto con la domanda di benessere». 

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.