Principale Estero La coppia ucraina che trasforma le bombe in fiaccole di speranza

La coppia ucraina che trasforma le bombe in fiaccole di speranza

Anastasia insieme al marito, Oleksii, e al figlioletto viveva a Kiev ma a causa della guerra è dovuta fuggire a Irpin: “Trasformiamo questi terribili ‘doni’ in cose che non ci lasceranno mai dimenticare le conseguenze di una crudeltà sconfinata”.

di Emanuele Perugini

AGI – Bombe di mortaio trasformate in fiaccole di speranza. Una giovane coppia di profughi a Irpin sta riutilizzando le bombe dei mortai russi appena disinnescate per trasformarli in fiaccole e raccogliere fondi per il sostegno all’esercito ucraino.

bombe fiaccole speranza ucraina guerra anastasia oleksii
© Pavlyk Kateryna Oleksandrivna

Le fiaccole della speranza  

Il primo lavoro è stato quello di ripulire la nuova casa e il giardino anteriore da tutti i resti che la guerra aveva lasciato. Vicino alla casa miracolosamente sopravvissuta dove ora vivono, hanno avuto luogo le ostilità e ancora molto rimane della guerra. È in questo momento di ripartenza che i due hanno la brillante idea di utilizzare le munizioni disinnescate dai genieri ucraini, dando loro nuova vita e nuovo significato, trasformandole in piccole opere d’arte.

Hanno iniziato a realizzare torce a olio, ma soprattutto hanno trasformato uno strumento di morte in uno strumento di speranza.  Fiaccole che sono diventate molto popolari e per questo, i due, hanno iniziato a produrle per venderle. Il loro progetto non è redditizio. I guadagni rimborsano il costo della fabbricazione delle lampade della speranza e il resto del ricavato va ai soldati ucraini in difficoltà.

La storia di Anastasia e Oleksii è una bella storia di speranza, di amore per il proprio popolo e la propria nazione, una storia che, come le loro lampade, illumina un periodo storico molto buio per l’Ucraina.

“So cosa state pensando tutti adesso – ha spiegato Anastasia –  È brutto, è difficile, fa male all’anima.  Le mani tremano quando le si tiene. Ma voglio gridare al mondo intero  che la mia voce non sarà messa a tacere fino alla fine di questo orrore. Tengo le torce tra le mani e mi spaventa immaginare che tante persone sono morte e stanno ancora morendo per colpa di questi ordigni. Ma fortunatamente, questo proiettile di mortaio non ha funzionato ed è stato neutralizzato dai nostri incredibili difensori e convertito in un simbolo della memoria”.

“Un fuoco ardente – ha aggiunto – è un segno di vita che pulsa in ognuno di noi. Stanno cercando di distruggerci, ma stiamo diventando più forti!  Crediamo ancora di più nell’Ucraina e nelle nostre invincibili Forze Armate. Trasformiamo anche tali terribili “doni” in cose che non ci lasceranno mai dimenticare le conseguenze di una crudeltà sconfinata nella realizzazione di una visione malata e sadica del destino futuro del popolo ucraino. Questo fuoco è un ricordo dei caduti.  E allo stesso tempo è un simbolo di vita eterna. Non dimenticheremo mai, mai!”

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.