Principale Rubriche Libri & Letture consigliate Laura Boldrini presenta “Questo non è normale. Come porre fine al potere...

Laura Boldrini presenta “Questo non è normale. Come porre fine al potere maschile sulle donne”

Venerdì 22 e sabato 23 Luglio a Taviano e Lecce

Venerdì 22 e sabato 23 luglio prosegue nel Salento il tour di presentazione di “Questo non è normale. Come porre fine al potere maschile sulle donne” di Laura Boldrini (Chiarelettere). Venerdì 22 luglio (ore 21:15 – ingresso libero) la presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo sarà in Piazza Mancaversa a Marina di Mancaversa di Taviano ospite della rassegna Incontri & sipari di periferia, nell’ambito del progetto “Il valore della legalità”, finanziato dalla Regione Puglia attraverso l’Avviso pubblico “Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale”. Dopo i saluti del sindaco Giuseppe Tanisi, la parlamentare dialogherà con la consigliera comunale Sabrina Burlizzi e con Simona Mosco, presidente dell’associazione Metoxè. Sabato 23 luglio (ore 21 – ingresso libero) appuntamento nel Chiostro degli Agostiniani a Lecce per la rassegna Agostiniani Libri, che rientra nel programma di “LecceinScena”, cartellone estivo del Comune di Lecce.

Laura Boldrini si confronterà con la giornalista Mary Tota e con Angelo Salento, docente di Sociologia economica e del lavoro e di Sociological Analysis of Development dell’Università del Salento. I due appuntamenti sono promossi in collaborazione con Libreria Idrusa di Alessano e Associazione Narrazioni.

Finché continueremo a dire che il trattamento riservato alle donne è normale, perché è sempre stato così, vivremo in un paese arretrato e ipocrita, in cui le prese di posizione contro i divari di genere rimarranno solo scaramucce di facciata, buone per sistemarsi la coscienza ma destinate a non incidere, a non cambiare davvero le cose. Questo non è normale è il libro che Laura Boldrini ha voluto dedicare a una grande battaglia di civiltà, mettendo in fila fatti, testimonianze, storie che fotografano un modello patriarcale duro a morire.

Un libro che fa riflettere sulle discriminazioni e i pregiudizi di tutti i giorni, in ogni ambito della nostra società. La parità tra uomini e donne in Italia si riassume nel motto “tutto cambia perché nulla cambi”. Nonostante alcuni traguardi sulla carta, le leggi, i diritti riconosciuti e l’impegno di militanti e associazioni femministe, troppo spesso mogli, compagne, amiche, colleghe continuano a restare gregarie, subalterne, ininfluenti. E questo non è normale. La donna che sovverte lo schema è invisa, considerata una persona “strana” e un po’ esaltata. Intanto il sessismo, l’intimidazione, la derisione, l’esclusione, l’odio misogino imperversano, con un unico fine: sminuire e controllare le donne per mantenere il potere maschile.

La consapevolezza che tutto questo non è e non deve essere normale è l’unica strada per porre fine a un modello culturale che genera una vera emergenza sociale. Il mondo non può continuare a girare tutto intorno agli uomini, è arrivato il momento di dire basta. Questo libro rappresenta un antidoto alla rassegnazione, propone soluzioni ed esorta le donne a mollare gli ormeggi. Laura Boldrini ha lavorato alla Fao, al Pro­gramma alimentare mondiale (Pam/Wfp) ed è stata portavoce per il Sud Europa dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i ri­fugiati (Unhcr). Ha svolto molte missioni in luoghi di crisi. Nel 2013 è stata eletta presi­dente della Camera dei deputati.

Rieletta de­putata nel 2018, da aprile 2021 è presidente del Comitato permanente della Camera sui diritti umani nel mondo. Ha pubblicato i libri Tutti indietro (Rizzoli 2010), Solo le montagne non si incontrano mai (Rizzoli 2013), Lo sguardo lontano (Einaudi 2015), La comunità possibile (Marsilio 2017) e Le donne di Minsk (con Lia Quartapelle, Infinito 2021).

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.