Principale Politica La Nato svende i Curdi e si piega al Sultano

La Nato svende i Curdi e si piega al Sultano

Tutti abbiamo letto i titoloni dove si diceva che la Turchia ha dato via libera all’ingresso nella Nato di Svezia e Finlandia, evento considerato  come un grande successo dell’alleanza atlantica, mentre invece è stato il segnale di una grande debolezza e povertà morale, anche dell’Europa e delle elite politiche dei singoli Paesi: le cose infatti stanno molto diversamente rispetto alle cronache prodotte  da un’informazione così patologicamente bugiarda da dare l’impressione di aver smarrito la mappa della verità e di non sapere più dove si trovi la realtà e dove la narrazione.

La verità è invece che l’occidente pur di fare dispetto alla Russia ha concesso una grande vittoria strategica a Erdogan le cui conseguenze si faranno sentire a lungo in futuro: il sultano ha dato il proprio permesso all’operazione a patto che i due Paesi scandinavi folgorati sulla via di Stoltenberg, prendano provvedimenti contro il Pkk  e altre organizzazioni curde – considerate terroristiche da Ankara – le vietino e  rimandino in Turchia i curdi che hanno trovato nell’estremo nord sia asilo, che un palcoscenico politico. Ciò ha già causato violente proteste in parlamento in Svezia, e nonostante questo Stoccolma  ha dovuto arrendersi e promettere l’estradamento  prima di 60, poi di 73 dirigenti curdi come primo atto di questa doppia sottomissione alla Nato. Ma il numero delle persone da tradire  è destinato ad aumentare.

D’altra parte il memorandum siglato non lascia vie di scampo ai governi di Svezia e Finlandia, la cui lungimiranza è simile a quella di un cieco in un labirinto: per poter effettivamente entrare nella Nato i due Paesi hanno infatti bisogno dell’assenso di tutti i partecipanti all’Alleanza e di certo Ankara negherà il permesso se tutte le sue richieste non verranno soddisfatte: il prossimo anno ci saranno le presidenziali in Turchia ed Erdogan non potrà permettersi di scendere a compromessi nemmeno se lo volesse, anche perché teme la concorrenza del rivale Demirtas edè peraltro anche incalzato dagli alleati nazionalisti.

Viste le difficoltà politiche che invece incontreranno i due Paesi scandinavi nell’adempiere al tradimento dei Curdi, il Sultano cercherà in ogni modo di non farsi fregare e per questo trascinerà la questione a ridosso delle urne  in maniera da apparire ed essere un vincitore assoluto. Così è praticamente certo che la firma turca arriverà  non prima del prossimo anno e non prima delle elezioni. Ovviamente verranno fatte pressioni enormi nei confronti della Turchia, ma saranno del tutto inutili perché è lei ad avere il coltello dalla parte del manico: la Nato non può a questo punto fare la figura di rinunciare a Svezia e Finlandia  e non può nemmeno permettere che questo mortifero abbraccio venga bocciato dai Parlamenti, un pericolo sempre in agguato anche se essi sono pieni di gente in libera vendita –  probabilmente comprare un deputato costa meno di un lanciamissili da spalla di quelli inviati in Ucraina – mentre chi davvero conta nel gioco della politica  esce fuori dagli allevamenti del Wef e di altre organizzazioni similari, come l’appunto le due premier di Svezia e Finlandia.

Quindi non c’è alcuna speranza che la popolazione dei due Paesi scandinavi  possa cambiare qualcosa dentro queste logiche, ma nonostante ciò l’operazione è globalmente un fallimento per  l’intero occidente che ha dimostrato di essere totalmente inaffidabile e di svendere chiunque per i propri interessi. Chi si fiderà più delle merde che siamo? E il vero vincitore è il sultano di Ankara che così sta mandando messaggi ai suoi nemici in Medio Oriente: la Nato ha più bisogno di me che non io della Nato, quindi non sperate che i visi pallidi possano salvarvi.

Nemmeno se mettono in campo, un altra memorabile fesseria che rimarrà nella storia, a parte il falso default della Russia i 300 mila uomini costantemente in massima allerta prodotti nella fantasia infantile di Stoltenberg. il fatto è che la Nato non ha nemmeno lontanamente 300 mila uomini realmente operativi e men che meno da tenere in stato di allerta. Ma anche volendo l’impegno finanziario solo per questo sarebbe il doppio di tutti i bilanci della difesa, Usa ovviamente esclusi. Ci si limiterà – come lo stesso Stoltenberg ha fatto ampiamente comprendere – a promuovere tutti i marmittoni in uomini ad “alta allerta” anche quando dormono.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci