Principale Cronaca A Taranto inaugurato in Tribunale lo Sportello informativo e di ascolto

A Taranto inaugurato in Tribunale lo Sportello informativo e di ascolto

A Taranto inaugurato in Tribunale lo Sportello informativo e di ascolto

In Tribunale a Taranto è attivo lo Sportello informativo e di ascolto ‘Dalla loro parte’, nato per fornire gratuitamente supporto e consulenze alle vittime di ogni tipologia di reato, un servizio gestito dall’Ordine degli Avvocati di Taranto.

Presso lo Sportello tutte le persone che hanno subìto un danno a seguito di un probabile reato potranno ricevere gratuitamente la consulenza di un legale e le prime fondamentali indicazioni su come muoversi in ambito giuridico, oppure un sostegno psicologico o di altre istituzioni eventualmente interessate dal caso.

L’iniziativa è stata presentata, presso l’Aula Miro del Tribunale di Taranto, da Antoniovito Altamura, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Taranto, e dai membri della Commissione interna che gestisce il progetto: presieduta dal Vicepresidente Adriano De Franco, ne fanno parte i Consiglieri Francesca Fischetti e Valerio Bassi.

Il Presidente Antoniovito Altamura ha spiegato che «lo Sportello attivato a Taranto rientra nel progetto della Regione Puglia “Dalla loro parte. Sportelli informativi e spazio di ascolto per le vittime di reato” che è stato ammesso al finanziamento dal Ministero della Giustizia nell’ambito del programma destinato allo sviluppo di servizi per l’assistenza alle vittime di reato. È una importante opportunità per confermare il ruolo centrale dell’avvocatura nella società moderna, sempre al servizio della comunità».

Lo Sportello ‘Dalla loro parte’ si trova all’interno del Tribunale di Taranto di via Marche, presso l’Organismo di Mediazione dell’Ordine degli Avvocati di Taranto; possono accedervi liberamente, senza prenotazione alcuna, dalle ore 10.30 alle ore 13.30, dal lunedì al venerdì, tutti i cittadini che ritengono di essere stati vittime di un reato.

Qui troveranno un avvocato specializzato che li accoglierà e ascolterà il loro problema e, sulla base di quanto appreso, potrà fornire loro gratuitamente consigli e assistenza, in caso indirizzandoli verso i servizi che amministrano la giustizia (Uffici giudiziari e/o Forze dell’Ordine), i servizi sociali e sanitari territorialmente competenti, oppure verso altri soggetti accreditati che forniscono assistenza specialistica alle vittime.

Laddove l’avvocato dovese ritenere opportuno consigliare al cittadino di rivolgersi a uno studio legale, ovviamente non potrà proporsi, né tantomeno potrà indicare un collega.

L’attivazione dello sportello è stata preceduta da un intenso lavoro della Commissione interna dell’Ordine che innanzitutto ha verificato le specifiche competenze degli Avvocati del Foro di Taranto che hanno richiesto di partecipare all’iniziativa, esaminandone anche l’aggiornamento professionale e il profilo disciplinare.

La Commissione gestisce le turnazioni degli oltre sessanta avvocati che, retribuiti dall’Ordine tramite il finanziamento ministeriale acquisito dalla Regione Puglia, dopo una formazione specifica si alterneranno allo Sportello nelle prossime 48 settimane, pronti ad accogliere con professionalità e garbo i cittadini.

Il progetto della Regione Puglia “Dalla loro parte. Sportelli informativi e spazio di ascolto per le vittime di reato” ha come obiettivo favorire l’accesso delle vittime ad una informazione corretta sulla tutela dei propri interessi prima, durante e dopo il procedimento penale al fine di evitare il rischio della “vittimizzazione secondaria”, assicurando, nel caso sia necessario, anche un supporto emotivo e psicologico.

Il progetto intende anche rafforzare il sistema dei servizi di assistenza alle vittime, attraverso l’aumento dell’attenzione e il necessario raccordo operativo da strutturare tra servizi generali e di assistenza specializzata, nonché garantire il diritto delle vittime ad essere informate ed assistite assicurando loro ascolto e accoglienza anche attraverso prestazioni di traduzione e interpretariato.

Il progetto, infine, intende garantire il diritto alla protezione in presenza di specifiche e urgenti esigenze, in raccordo con i servizi sociali del Comune di riferimento, nonché sensibilizzare i servizi del territorio, favorendo il raccordo operativo con i servizi generali e specialistici del sistema.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.