Principale Arte, Cultura & Società Papa Francesco: la pornografia che uccide l’amore e la relazione

Papa Francesco: la pornografia che uccide l’amore e la relazione

Papa Francesco affronta un altro tema difficile ma molto attuale: la pornografia che uccide l’amore e la relazione

Non usa mezzi termini ne si nasconde dietro parafrasi e giri di parole, con la schiettezza ed il coraggio che contraddistinguono ogni sua azione Papa Francesco, nel corso dell’ultimo udienza generale  in Vaticano questa volta esprime la sua preoccupazione per il dilagare della pornografia sui media, sui social e nella società nelle sue diverse articolazioni comunicazionali e relazionali.

Il Papa usa parole molto forti: parla infatti di «attacco permanente alla dignità dell’uomo e della donna e di minaccia per la salute pubblica Una posizione netta e ben diversa da quella corrente: per i più infatti la questione della pornografia e della pedopornografia in particolare, si pone nell’ambito delle libere scelte individuali. In questo modo diventa un problema del quale occuparsi solo quando subentra un fenomeno di dipendenza patologica; la questione si sposta allora in ambito psico-sanitario, continuando però a rimanere un problema individuale, che riguarda eventualmente solo la singola persona e le sue personali fragilità.

C’è da chiedersi, ma è proprio così? La sessualità umana è stata sempre fonte di grandi contraddizioni e non potrebbe essere diversamente: il sesso è e sarà sempre per gli uomini una pietra d’inciampo e una fonte di scandalo, perché il sesso rappresenta il punto di incontro cruciale tra natura e cultura. La chiave di volta di ogni cultura passa dal modo in cui l’uomo riesce a simbolizzare le domande centrali dell’esistenza, che riguardano la vita e la morte, e la sessualità si trova proprio al crocevia di queste domande: attraverso l’incontro sessuale infatti avviene la trasmissione della vita, ma trasmettere la vita ci spinge anche verso la morte, per lasciare spazio alla nuova generazione. La spinta naturale del sesso diventa cultura attraverso i significati che sappiamo introdurre, attraverso la capacità tutta umana di trascendere le valenze puramente biologiche per arricchirle di domande e di risposte.

È la storia della nostra civiltà: collegare la sessualità con il tema dell’amore, della fedeltà, del valore dell’altro, ha permesso di dare sempre più spazio al rispetto per le donne e di dare valore alle relazioni. Non si è trattato di un passaggio naturale, ma di un percorso culturale: un percorso del quale la cultura cristiana è indiscutibile protagonista.

Ora il dilagare della pornografia segna il pericolo di tornare indietro, verso un sesso-bisogno, slegato dalla relazione, senza alcun significato e senza alcun valore etico, morale, non legato ai sentimenti, all’amore ma solo attrazione puramente fisica spesso sfrenata. Le parole allarmate del Papa ci aiutano a vedere con più chiarezza il pericolo di scivolare verso un mondo che ritiene inevitabile e forse persino auspicabile tornare a separare l’esperienza del sesso da quella dell’amore e della relazione. Il messaggio che riceviamo dal nostro tempo sembra essere questo: il sesso non è che un’attività ricreativa per adulti e uno sfogo pulsionale cui abbiamo diritto; perché allora complicarsi la vita legando inestricabilmente il sesso e la relazione? .

Ma nel profondo di sé l’uomo sa che fare l’amore è molto più che fare sesso: è un’esperienza che ci chiede un po’ di più, per darci infinitamente di più. Ci chiede di amare, per farci sperimentare la meraviglia di essere riamati. Ricordiamo allora ciò che diceva Giovanni Paolo II: il contrario di amare non è odiare ma usare. La pornografia è proprio questo, un modo di usare l’altro per il proprio piacere. Per questo la pornografia uccide inevitabilmente l’amore.

Giacomo Marcario

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.