Principale Estero Quadrante: anche armi psicologiche contro i soldati ucraini

Quadrante: anche armi psicologiche contro i soldati ucraini

Messaggi sui telefoni personali dei militari ucraini li invitano ad abbandonare le armi e arrendersi o a disertare e fuggire in Russia.

di Francesca Venturi

Attraverso sms, ma anche messaggi sui social la Russia utilizza le informazioni sulla posizione di ogni militare per meglio mirare le minacce, personali o dirette alle rispettive famiglie.

© Yasuyoshi CHIBA / AFP- Una soldatessa ucraina

 

AGI – I russi non si limitano alle armi convenzionali, con le quali combattono per conquistare Severodonetsk e per distruggere obiettivi militari anche in altre zone dell’Ucraina, ma utilizzano nella guerra per controllare l’Est del Paese anche armi psicologiche.

Come riporta l’americano Institute for the study of war, messaggi sui telefoni personali dei militari ucraini li invitano ad abbandonare le armi e arrendersi o a disertare e fuggire in Russia. Attraverso sms, ma anche messaggi sui social più utilizzati dai giovani soldati: Telegram, Viber, Signal e WhatsApp, la Russia utilizza le informazioni sulla posizione di ogni militare per meglio mirare le minacce, personali o dirette alle rispettive famiglie.

Mentre a Severodonetsk continuano i combattimenti nelle zone industriali ancora controllate dagli ucraini, il governatore di Lugansk Sergiy Gaidai si dice convinto che “se ottenessimo rapidamente armi occidentali a lungo raggio, inizierebbe un duello di artiglieria, l’Unione sovietica perderebbe a ovest e i nostri difensori sarebbero in grado di ripulire Severdonetsk in due o tre giorni”.

Intanto, secondo l’intelligence della Difesa britannica, nelle ultime 48 ore le forze russe schierate a Est hanno aumentato gli sforzi per avanzare a sud di Izyum dove si erano “bloccati ad aprile, dopo che le forze ucraine avevano fatto buon uso del terreno per rallentare l’avanzata russa”. Secondo questa analisi, “La Russia probabilmente cerca di riguadagnare slancio in quest’area per esercitare ulteriore pressione su Severdonetsk e per avere la possibilità di avanzare più in profondità nell’oblast di Donetsk”.

Oltre a proseguire la battaglia per conquistare la città, però, l’ISW sottolinea che i russi cercano contemporaneamente di aggirare le posizioni ucraine nella regione per evitare la necessità di effettuare l’attraversamento del fiume Siversky Donets; ancora, proseguono le operazioni intorno a Sviatohirsk e a ovest di Lyman per collegarsi alle operazioni a sud-est di Izyum e dirigersi verso Slovyansk.

Nell’oblast di Kherson, si intensifica la risposta al contrattacco ucraino, mentre nell’area di Zaporizhzhia gli attacchi sono concentrati vicino al confine con quello di Donetsk, per rafforzare il controllo dell’autostrada fra Vasylivka-Orikhiv e Huliapole e sostenere le operazioni nel nord-est di Zaporizhshia.

Il ministero della Difesa di Mosca ha poi annunciato di avere distrutto un centro di addestramento per combattenti stranieri, definiti dai russi “mercenari”. Infine, Kiev ha confermato la stima, anticipata nei giorni scorsi dal presidente Volodymyr Zelensky, sui soldati ucraini che muoiono in battaglia: sono fino a 100 ogni giorno, e circa 500 i feriti.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.