Principale Arte, Cultura & Società Diversità linguistica intorno a noi

Diversità linguistica intorno a noi

Diversità linguistica intorno a noi

di Roberta Formuso (5^ A Classico Liceo Moscati di Grottaglie)

IL BILINGUISMO A SAN MARZANO

Frequento spesso il comune di San Marzano di San Giuseppe e ho sempre pensato quanto fosse speciale il bilinguismo di una parte della popolazione di questo paese di circa 9000 abitanti (dato aggiornato nel 2021). Stando spesso a contatto con persone di età avanzata, mi rendo conto dell’importanza della loro provenienza Albanese, in quanto San Marzano di San Giuseppe sia stata per l’appunto colonizzata, assieme ad altri paesi limitrofi, nell’Albania Tarantina. Nel paese, ancora oggi, si conservano lingua, usi e costumi; in particolare la seconda lingua parlata è detta Gjuha Arbëreshe. Il paese fa parte di una cerchia di circa 50 paesi di provenienza albanese, tutelati dall’art. 6 della costituzione italiana che recita “La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”; nello specifico, la conservazione dell’arbëreshe è ciò che differenzia San Marzano dal resto dei paesi. La cultura albanese è talmente radicata nel territorio sammarzanese, che spesso gli anziani prediligono tale lingua all’italiano, in maniera del tutto naturale; addirittura un tempo è capitato che fosse l’unica lingua conosciuta da alcuni bambini. Essendo l’arbëreshe una lingua unicamente parlata, si è diffusa all’interno delle mura domestiche: si apprendeva in casa come fosse dialetto. Ad oggi il numero di cittadini bilingue diminuisce di anno in anno e per contrastare il fenomeno, l’istituzione scolastica locale organizza progetti ed incontri al fine di tutelarne la longevità culturale, ma che purtroppo non sono abbastanza. A tale scopo, la costituzione tutela la dignità culturale di questa comunità, vietando già dall’art. 3 “qualunque discriminazione fisica e verbale, che possa scaturire dalla diversità linguistica”. I sammarzanesi sono orgogliosi della loro cultura, che li rende coesi e legati alla loro terra. Tali tradizioni non dovrebbero andar perse in quanto peculiarità del proprio essere.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.