Principale Cronaca È fuori dal carcere il figlio del boss che con il Suv...

È fuori dal carcere il figlio del boss che con il Suv uccise due bambini

Alessio e Simone furono travolti da un’auto lanciata a tutta velocità nei vicoli di Vittoria, nel Ragusano. Al volante c’era Rosario Greco, figlio del capomafia Emanuele. La Cassazione ha annullato la sentenza di condanna a nove anni ordinando un nuovo processo.

di Paolo Borrometi

L’arresto di Rosario Greco

AGI – “Siamo distrutti, ma che giustizia è questa? È uno schifo. Si chiama ‘ingiustizia’, non giustizia. A meno di un mese dai tre anni dalla morte di Alessio e Simone, chi li ha investiti quella notte riducendoli a poltiglia, è fuori dal carcere. Solo noi, noi genitori, abbiamo l’ergastolo”. A denunciare all’AGI, con parole piene di rabbia, sono Alessandro e Tony D’Antonio, genitori dei piccoli Alessio e Simone, uccisi l’11 luglio del 2019 a Vittoria (Ragusa). Quella sera i due bambini erano seduti sullo scalino della porta di casa quando, una macchina a tutta velocita’, li travolse.

Il processo è da rifare, ma intanto Greco è stato posto ai domiciliari, uscendo così dal carcere. “È incredibile. Siamo senza parole – commentano amaramente i D’Antonio – Ci siamo affidati alla giustizia, non possiamo pensare che a meno di tre anni dalla strage che ci tolse i nostri figli, oggi questo delinquente sia fuori dalla galera. Non ci possiamo pensare. È questa la giustizia che lo Stato italiano riconosce a noi genitori? Tre anni di carcere per aver trucidato due bambini? Chiediamo una mobilitazione civile, chiediamo ai giudici di non negarci quella giustizia in cui credevamo perché – concludono -, altrimenti, solo la nostra condanna sarà a vita”.

Perché è uscito dal carcere

Greco è uscito dal carcere il primo giugno e posto ai domiciliari. L’istanza, accolta dalla Corte d’Appello, è stata presentata dal legale di Greco, Nunzio Citrella. Greco era stato condannato a 9 anni, ma la Cassazione ha annullato la sentenza per un “vizio di motivazione” dell’appello, concernente il rigetto della perizia psichiatrica richiesta dalla difesa.

Salvini: una vergogna, bisogna fare giustizia

“Una vergogna, una schifezza. Giustizia per Alessio e Simone, la vita di due bimbi vale” è il commento del segretario della Lega, Matteo Salvini, su Facebook. “Mi auguro vivamente che il Presidente Mattarella intervenga”, aggiunge Salvini.

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.