Principale Politica L’UE al fianco dell’Ucraina

L’UE al fianco dell’Ucraina

L’UE al fianco dell’Ucraina
L’attacco militare non provocato e ingiustificato del 24 febbraio 2022, perpetrato dalla Russia nei confronti dell’Ucraina, costituisce una violazione del diritto internazionale e dei principi della Carta delle Nazioni Unite. Oltre a minare la sicurezza europea e globale, denota un disprezzo assoluto per la vita umana. Sono i civili a pagarne il prezzo più alto. Al momento, circa 13 milioni di ucraini sono sfollati all’interno del loro paese o stanno cercando rifugio all’estero. L’UE ha accolto oltre 5,4 milioni di persone in fuga dall’aggressione russa, fornendo loro cibo, alloggio, assistenza medica, opportunità di istruzione e occupazione.

La solidarietà europea in azione si manifesta offrendo agli ucraini aiuti umanitari diretti, assistenza di emergenza della protezione civile, sostegno alle frontiere e uno status giuridico chiaro che consenta a coloro che fuggono dalla guerra di ricevere protezione immediata nell’UE.

Sanzioni dell’UE nei confronti della Russia
Con una riposta decisa e corale, l’UE sta ostacolando in tutti i modi possibili il proseguimento dell’aggressione dell’Ucraina da parte del Cremlino. A tal fine ha adottato diversi pacchetti di sanzioni, il primo dei quali è stato concordato da tutti i paesi dell’UE il giorno successivo all’aggressione russa. Le sanzioni dell’UE, che prendono di mira il sistema finanziario russo, le industrie ad alta tecnologia, i settori dell’energia, dei trasporti e del commercio, nonché l’élite corrotta del paese, hanno già inciso pesantemente sull’economia russa.

Rafforzamento della preparazione dell’UE

Parallelamente, l’UE ha adottato misure volte ad assistere i paesi dell’UE che accolgono le persone in fuga dall’Ucraina. Sta facendo fronte all’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, causato dall’invasione russa dell’Ucraina, e sta intraprendendo azioni per rendere più resilienti l’agricoltura e le catene di approvvigionamento alimentare dell’UE.

I leader dell’UE si stanno inoltre adoperando nella ricerca di modalità per aumentare l’indipendenza dai combustibili fossili russi, rispondere all’aumento dei prezzi dell’energia e ricostituire le scorte di gas per il prossimo inverno. A tal fine l’UE ha presentato un piano per diversificare i propri fornitori in campo energetico, accelerare la transizione verso un’energia pulita e migliorare l’efficienza energetica.

Se desidera contribuire
Molti europei hanno dato prova di grande solidarietà. Ad esempio, effettuando donazioni e accogliendo rifugiati. Se lo desidera, può aiutare il popolo ucraino in vari modi. Può ad esempio effettuare una donazione alle numerose organizzazioni umanitarie che operano a sostegno degli ucraini nel loro paese o altrove nell’UE.

Informazioni per le persone in fuga dalla guerra

Le persone in cerca di rifugio nell’UE hanno bisogno di aiuto per trovare una sistemazione. I paesi dell’UE hanno pertanto attivato un “meccanismo di protezione temporanea” affinché gli ucraini possano ottenere un permesso di soggiorno e accedere all’istruzione, all’assistenza medica e all’occupazione nell’UE. In questa pagina troverà una miriade di informazioni per i rifugiati che entrano nell’UE, tra cui informazioni su:

  • chi è ammissibile alla protezione temporanea;
  • come funziona il sistema;
  • quali autorità possono offrire assistenza;
  • quali sono le norme per viaggiare all’interno dell’UE.

Combattere la disinformazione

L’UE continua a contrastare attivamente la disinformazione e la cattiva informazione online per proteggere i valori e i sistemi democratici europei. Qui può ottenere maggiori informazioni su come l’UE sta smascherando la disinformazione sull’invasione dell’Ucraina da parte della Russia

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.