Principale Estero Amazzonia, scoperta una rete di antiche città perdute

Amazzonia, scoperta una rete di antiche città perdute

MILANO – Scoperta in Bolivia una rete di antichi insediamenti costruiti tra il 500 e il 1400 d.C. in una regione dell’Amazzonia sud-occidentale che si pensava scarsamente abitata in epoca precolombiana. I resti, che rivelano un processo di urbanizzazione sostenibile e rispettoso della natura, sono stati individuati sotto la vegetazione e mappati in 3D grazie a un sistema di scansione laser (LiDAR) trasportato a bordo di droni ed elicotteri.

Lo studio è pubblicato su Nature da ricercatori dell’Istituto archeologico tedesco e dell’Università di Bonn in collaborazione con l’Università di Exeter in Gran Bretagna. Il ritrovamento di queste antiche città perdute (con strade, canali, imponenti strutture a uso cerimoniale e piramidi coniche alte più di 20 metri) sfida la classica visione dell’Amazzonia come un paesaggio storicamente incontaminato: in realtà sarebbe stato la sede di una prima urbanizzazione realizzata e gestita dalle popolazioni indigene per migliaia di anni. “Sospettavamo da tempo che le società precolombiane più complesse dell’intero bacino si fossero sviluppate in questa parte dell’Amazzonia boliviana, ma le prove sono nascoste sotto la foresta ed è difficile arrivarci di persona”, afferma José Iriarte, archeologo dell’Università di Exeter.
“Il nostro sistema LiDAR ha rivelato terrazze edificate, strade rialzate rettilinee, recinzioni con posti di blocco e serbatoi d’acqua. Ci sono strutture monumentali a solo un miglio di distanza collegate da 600 miglia di canali lungo strade rialzate che collegano siti, bacini idrici e laghi.
La tecnologia LiDAR combinata con un’ampia ricerca archeologica rivela che le popolazioni indigene non solo hanno gestito i paesaggi boschivi, ma hanno anche creato paesaggi urbani, cosa che può contribuire in modo significativo alle prospettive di conservazione dell’Amazzonia”. (ANSA).

© ANSA

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci