Principale Ambiente & Salute Biodiversità, formazione e legalità per il futuro del pianeta

Biodiversità, formazione e legalità per il futuro del pianeta

ROMA  – Il valore della biodiversità all’insegna di un futuro più verde e sostenibile è stato al centro del convegno internazionale di 2 giorni organizzato dall’Arma dei Carabinieri in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Ministero della Transizione Ecologica, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e World Enviromental Education Congress Network, oltre al contributo di autorevoli partners tra cui Coldiretti, EarthDay Italia, GreenAccord e Crea.

L’evento è stato l’occasione per la presentazione e firma del protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione e l’Arma dei Carabinieri per l’educazione ambientale: un passaggio epocale nella promozione delle attività di educazione alla tutela ambientale e cura del territorio rivolta a tutti gli studenti italiani. Nel corso dei lavori è stata presentata, inoltre, la Carta per l’educazione alla biodiversità fortemente voluta dalla Presidenza della Repubblica e sostenuta dai Ministeri della Transizione Ecologica e dell’Istruzione. L’educazione ambientale diventa educazione alla “legalità” ambientale: un approccio globale alla sostenibilità per la formazione di una profonda coscienza sociale naturale.

Il convegno trae spunto dal 30° anniversario della Convenzione per la Diversità Biologica, approvata il 22 maggio 1992 e successivamente aperta alla firma durante la conferenza di Rio de Janeiro.
Il 18 maggio il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricevuto al Quirinale il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi, il Comandante del Comando unità forestali, ambientali e agroalimentari dei Carabinieri (CUFAA), Generale di Corpo d’Armata Antonio Pietro Marzo, e il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, insieme a una delegazione dei relatori del convegno e di giovani coinvolti nel progetto LIFE ESC 360 di educazione ambientale dei Carabinieri della Biodiversità, che hanno aderito al progetto “Un’albero per il futuro”.

Sabato 21 maggio infine i convegnisti si sono recati in visita da Papa Francesco, autore dell’Enciclica “Laudato sì” e promotore nel 2020 del “Patto educativo globale”, un invito a tutte le generazioni a dialogare sul modo in cui stiamo costruendo il futuro.

– foto ufficio stampa Carabinieri Forestali –

(ITALPRESS).

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.