Principale Cultura & Società Musica, Eventi & Spettacoli A teatro per dire no al gioco patologico

A teatro per dire no al gioco patologico

A teatro per dire no al gioco patologico

Testimonial, Vincenzo Albano da Zelig. Organizzano Asl Taranto e Teatro Pubblico Pugliese.

Il prossimo 25 maggio alle 20 a Taranto, al Teatro Fusco, è in programma l’evento di restituzione finale del progetto di prevenzione e contrasto del rischio di dipendenza da gioco.

Rivolto ai giovani, ai genitori, ai docenti ed a tutta la cittadinanza, l’evento rappresenta il momento di sintesi delle attività svolte nell’ambito del progetto di prevenzione del Gioco d’Azzardo svolto in tutto il territorio provinciale.

Si tratta di un progetto realizzato in questi anni, nonostante la pandemia e le difficoltà ad essa legate, dalla direzione della Asl di Taranto e dal Dipartimento dipendenze patologiche diretto dalla dott.ssa Vincenza Ariano, nell’ambito delle attività di sensibilizzazione e prevenzione previste dal Piano di Attività per Gioco D’azzardo Patologico della Regione Puglia di cui è referente scientifico la dott.ssa Margherita Taddeo, responsabile della formazione della Asl di Taranto, in seguito ad un accordo di cooperazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

L’arte teatrale insieme a quella cinematografica sono state individuate quali strumenti efficaci di promozione della salute e di prevenzione delle dipendenze attraverso l’uso di un linguaggio comune che consente la condivisione di emozioni e vissuti.

La serata del 25 maggio rappresenta dunque l’evento finale di un percorso laboratoriale teatrale svolto in alcune scuole della Provincia di Taranto dalle compagnie Teatrali CREST e Teatro delle Forche. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con gli Istituti Scolastici ed ha coinvolto attivamente 1.160 studenti delle scuole superiori di Taranto, Castellaneta, Grottaglie, Martina Franca, Massafra, Mottola, Palagiano nonché gli studenti della scuola secondaria di primo grado “Luigi Pirandello” di Taranto.

Accanto al teatro si pone poi il documentario PLAY! – Il Cortometraggio per la Prevenzione del Gioco Patologico realizzato dalla Compagnia “Terra Magica arte e cultura” con la regia di Massimo Cimaglia, che verrà presentato in anteprima e che sarà oggetto di una campagna di comunicazione tesa a sensibilizzare sul problema e sul suo superamento.

Sono previsti gli interventi artistici di Giovanni Guarino, Compagnia CREST in “Ludomannaro”; Giancarlo Luce e Erika Grillo, Compagnia Teatro delle Forche in “Giocatori”, e Massimo Cimaglia, Compagnia “Terra Magica arte e cultura” insieme ai protagonisti del corto, Daniele Palumbo e Valeria Cimaglia. Testimonial d’eccezione sarà il tarantino Vincenzo Albano da Zelig.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.