Principale Cultura & Società Eventi & Spettacoli Al Fusco il recital del pianista ucraino Danylo Sayenko

Al Fusco il recital del pianista ucraino Danylo Sayenko

Al Fusco il recital del pianista ucraino Danylo Sayenko

Si esibirà mercoledì prossimo nell’ambito dell’ottava stagione concertistica.

Fermato in un primo momento dalla guerra, il pianista ucraino Danylo Sayenko potrà finalmente esibirsi a Taranto, dove lo scorso novembre aveva trionfato alla 59esima edizione dell’International Piano Competition “Arcangelo Speranza”.

Sino a qualche giorno fa sembrava irrimediabilmente tramontata l’ipotesi di un’esibizione nel capoluogo ionico del trentunenne musicista di Leopoli, che invece terrà un recital molto atteso per la sezione “Young” della 78esima Stagione concertistica promossa dagli Amici della Musica, mercoledì 18 maggio (ore 21), al Teatro Fusco di Taranto, appuntamento annunciato in città  da una serie di manifesti che ritraggono l’artista immerso nei colori giallo e blu dell’ Ucraina rappresentati da un campo di grano e un cielo tersissimo.

Domenico Scarlatti con tre Sonate, Beethoven con la Sonata op. 110 n. 31, Chopin con 4 Mazurche op. 30 e lo Studio op. 10 n. 6, Debussy con tre Preludi e, infine, l’ucraino Viktor Kosenko con i Cinque Studi op. 8 e Liszt con due Studi trascendentali i compositori del recital che segna il ritorno a Taranto del pianista vincitore dell’ultimo Concorso Speranza, così come decretato dalla giuria che ha espresso il verdetto finale al termine di una gara partecipata da 47 concorrenti provenienti da 12 Paesi.

Nato in una delle città dell’Ucraina più colpite dall’aggressione russa in questi tre mesi di guerra, Danylo Sayenko ha iniziato a suonare il pianoforte all’età di sei anni e si è diplomato nella sua città alla prestigiosa scuola di musica Salome Krushelnytska riservata a bambini particolarmente dotati. E sempre a Leopoli si è successivamente formato alla State Mykola Lysenko National Music Academy nella classe di Yozif Ermine, prima di trasferirsi ad Amburgo, nel 2014, e perfezionarsi alla Hochschule for Musik und Theatre con Anna Vinnizka.

Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti, quelli al Concorso pianistico internazionale Vladimir Horowitz di Kiev nel 2012 e nello stesso anno, alle Competizioni (anche queste internazionali) Emil Gilels di Odessa e Mykola Lysenko di Kiev.

Nel suo palmares, il premio Zlotyj Parnas ricevuto al Piano Forum Festival di Sianok, in Polonia, nel 2011, e la vittoria nel 2015 ai Concorsi pianistici internazionali Giorgios Thymis in Grecia e Maria Canals in Spagna, oltre allo Speranza di Taranto conquistato sei mesi fa.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.