Principale Cultura & Società Eventi & Spettacoli Sassanelli Principe de Mari tra i fantasmi di Acquaviva

Sassanelli Principe de Mari tra i fantasmi di Acquaviva

ACQUAVIVA DELLE FONTI – La leggenda circola da tempo. Aleggia tra le tante stanze, alcune segrete, del Palazzo De Mari, eretto da nobili genovesi trapiantati a Napoli, le cui fortune si perdono nei secoli tra i flutti di antiche navigazioni per le repubbliche marinare e di misteriosi naufragi sulla rotta per le Americhe. La leggenda è che le stanze del Palazzo, oggi sede del Municipio, siano popolate da fantasmi.

E che questi spettri – principi, marchesi, damigelle, cicisbei e suonatori della storica banda musicale di Acquaviva – talvolta appaiano dai vani e dagli antri del Castello. E non solo: a volte si manifestano appena all’esterno del palazzo, sulla Cassarmonica, dove le anime dei vecchi compositori, effigiati sui bassorilievi del monumento, si palesano nella notte. 

Tutti questi spiriti, compreso ciò che resta di antiche torri ormai distrutte, hanno deciso di rendersi visibili il 13 maggio, dalle 19 in poi.
A presentare questa visita guidata multimediale ai beni culturali della città saranno l’Infopoint, la Pro Loco e l’Archeoclub, con la partecipazione straordinaria di Paolo Sassanelli.
Sarà proprio l’attore e regista barese – che il 16 presenterà nel teatro comunale Luciani “La leggenda di Django Reinhardt” – a inaugurare alle 19 di venerdì, l’avatar del Principe, realizzato da Hgv. La visita proseguirà alle 19.30 con la visita guidata a Palazzo De Mari, a cura della Proloco Curtomartino e al Music Hub, dove è da poco presente un piccolo museo della Banda musicale: a fare da cicerone sarà lo spirito di Maria Letizia Bonaparte, duchessa d’Aosta (impersonata da Melania Evangelista), che consegnerà al maestro Emilio Rivela (Riccardo Lagravinese) la coppa del primo premio vinta al concorso di Torino del 1898.
Organizzata dal Comune in collaborazione con il Gal Sudest barese, con l’Istituto Colamonico Chiarulli e con l’associazione Giovanni Colafemmina, la manifestazione prevede anche una visita e un concerto di musica barocca al museo archeologico, un viaggio nel tempo con realtà aumentata su Piazza dei Martiri del 1799 e un’apertura straordinaria della mostra “I fiori nella moda a Palazzo De Mari”, con abiti d’epoca a cura dell’associazione “Sognare e perdersi negli abiti d’un tempo”.
Il tutto culminerà poi nella visione del film “Laetare et disce”, sulla Cassarmonica, nel corso del quale Cosimo Damiano D’Amato e altri attori racconteranno in chiave moderna i più importanti compositori pugliesi del Sette-Ottocento effigiati sul monumento cittadino di piazza Vittorio Emanuele. Il film, prodotto dalla Cinetic Pictures, diretto da Giuseppe Della Corte su un soggetto di Giuseppe Carvutto, sarà proiettato su quattro schermi intorno alla Cassarmonica.
Per Info e prenotazioni:
Info-point turistico di Acquaviva delle Fonti
Piazza Maria Santissima di Costantinopoli

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.