Principale Ambiente & Salute Agroalimentare & Enogastronomia Turismo enogastronomico e turismo esperenziale, esperienza di alta qualita’

Turismo enogastronomico e turismo esperenziale, esperienza di alta qualita’

Per docenti e allievi di quattro istituti alberghieri al “Maiorana” di Bari

Oggi la seconda parte del progetto “Puglia, Identità e Storie di Gola” di Pugliapromozione 

Foto hd di libero e gratuito utilizzo https://we.tl/t-l5hVBmomCM

Semi montati video con interviste a Paolo Marchi e Luca Scandale  https://we.tl/t-Op6wWEG6Mt

“Quello che state facendo oggi, a scuola nell’istituto Maiorana, con Pugliapromozione e Magenta Bureau ha a che fare con il vostro futuro, ma anche a che fare con il futuro della nostra regione” – ha detto il presidente della Regione Puglia collegato in video conferenza con questo istituto alberghiero, per il primo di sei appuntamenti di Pugliapromozione con Magenta Bureau. Tutto esaurito con la partecipazione di allievi e docenti anche dagli istituti alberghieri Perotti (Bari), Salvemini (Fasano) ed Elsa Morante (Crispiano). Un’esperienza che resterà indimenticabile, con i big di cucina e sala a livello internazionale con l’obiettivo di far crescere ancora il turismo enogastronomico. “La Puglia è una delle stelle del turismo italiano e internazionale, apprezzata soprattutto perché siamo veri, autentici, collegati ad una antica tradizione di accoglienza e anche di vita.

Oggi e domani voi avrete a disposizione grandi maestri ha detto il presidente della Regione Puglia agli allievi degli istituti alberghieri – per poter imparare a gestire il turismo di eccellenza. Vogliamo dare ai nostri ospiti, a coloro che ci vengono a trovare quella qualità che sappiamo di poter realizzare con un potenziale straordinario, ottime scuole ed anche istituti post diploma che vi consentiranno di migliorare” – ha detto il presidente della Regione Puglia.

“Il percorso di formazione che la Regione Puglia sta avviando in ambito turistico è un percorso incentrato sulla qualità – ha messo in evidenza l’assessore al Turismo della Regione Puglia – . Per questo partiamo oggi con Identità Golose in Puglia, con gli incontri di approfondimento negli istituti alberghieri insieme a Paolo Marchi, agli chef dell’alta cucina italiana ed internazionale, agli operatori e ai nostri alunni.

Il turismo in Puglia ha bisogno proprio di loro, dei nostri giovani: del loro impegno, della loro creatività nella ricerca dell’eccellenza, per mantenere alta la reputazione del brand Puglia nel mondo. L’enogastronomia rappresenta la seconda motivazione di viaggio nella nostra regione. Vogliamo fare in modo che il livello dell’accoglienza e dell’offerta di buon cibo e buon vino che ci viene richiesto oggi dal mercato sia migliorato e che queste iniziative siano strumenti che nel medio termine ci permettano di superare la carenza di personale nel turismo”.

“Sono molto emozionato di essere qui, nella scuola Ettore Maiorana, per Identità e Storie di Gola dedicate alla Puglia, che adoro ed è la mia seconda regione”, ha esordito Paolo Marchi, cofondatore con Claudio Ceroni di Identità Golose, il congresso celebre nel mondo per l’alta cucina. “Mi hanno sempre cosa mancasse alla gola, ai suoi prodotti. E, forse, la riposta – ha detto Paolo Marchi – è in quello che abbiamo messo insieme con questo progetto per Pugliapromozione. Dobbiamo sganciarci dalla bellezza della sua storia, delle sue spiagge, delle sue città, della magia che trovi, delle differenze fra nord e sud della Puglia, e concentrarsi proprio sul cibo e sulle idee legate al cibo e alle ricette, uscire dalle tradizioni per portarne a galla di nuove.

Il processo è iniziato, ora bisogna fare tesoro di quanto – oggi al Maiorana – tanti professionisti sono venuti a raccontarci. Hanno portato esempi di altre zone d’Italia, dove una persona brave ed un movimento di opinione ha fatto crescere questi luoghi anche come destinazione culinaria”.

“Abbiamo fatto tanto, i turisti vengono in Puglia, lo hanno fatte anche durante la pandemia, ma ciò non ci basta più. Non abbiamo come obiettivo spingere su un incremento quantitativo, abbiamo un obiettivo più alto – ha dichiarato Aldo Patruno, direttore Dipartimento Cultura Regione Puglia – . Noi dobbiamo allungare la stagione rispetto ai mesi tradizionali estivi, per la destagionalizzazione e dobbiamo applicarla per ampliare al di fuori dei luoghi tradizionalmente forti, quelli da foto cartolina. Per fare questo ci sono due sfide e la prima è la internazionalizzazione, far crescere il numero dei turisti che vengono dall’estero, perché loro non vengono tanto o unicamente per il mare, ma vengono alla ricerca di esperienze. Quindi lo strumento principale, e più difficile è la diversificazione del prodotto e dell’offerta.

Affianco al mare abbiamo la natura e il paesaggio, la salute e la qualità della vita, il patrimonio culturale materiale e immateriale, l’enogastronomia. La ricerca di esperienze è la ragione principale che, prima della pandemia, ed anche oggi spinge le persone a viaggiare per il mondo”.

“Faremo un tour in tutta la Puglia con Pugliapromozione e Magenta Bureau Identità Golose perché il turista enogastronomico è un turista alto spendente. In realtà, in Puglia, si viene ancora per altre ragioni e poi si scopre che qui si mangia bene. Vogliamo che la cucina, il cibo, diventino motivi di viaggio e si venga in Puglia per mangiare bene” ha concluso Luca Scandale, direttore generale di Pugliapromozione.

I prossimi appuntamenti saranno – sempre di lunedì e martedì – a Margherita di Savoia nell’Istituto Aldo Moro il 30 e 31 maggio, a settembre a Foggia, ad ottobre a Lecce, a novembre a Brindisi e gran finale a Taranto a dicembre.

Qui di seguito il programma dettagliato di martedì 10 maggio 2022

PROGRAMMA MARTEDÌ 10.5.2022

ore 9.30         Accredito 

ore 10.00       Mattia Spedicato – Geranium, Copenaghen – Danimarca

Ristorazione Moderna 

ore 10.45     Luigi Dattilo – Appennino Food S.p.A., Savigno – Bologna

Vivere local, ma pensare global! 

ore 11.30               Franco Pepe – Pepe in Grani, Caiazzo – Caserta

L’evoluzione della mia pizza

ore 12.15               Alessandro Gilmozzi – El Molin, Cavalese – Trento

Il Risotto come contaminazione del territorio dolomitico

ore 14                    Forum Professionisti 

ore 17                    Fine lavori

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.