Principale Cronaca Parola agli studenti ‘Incazzati a nero’

Parola agli studenti ‘Incazzati a nero’

Parola agli studenti ‘Incazzati a nero’

La Rete Studenti Medi di Taranto, Martina Franca e Cisternino presenteranno una indagine nella sede della Cgil.

La disoccupazione giovanile, gli abusi, il lavoro precario e sottopagato, raccontato dalla voce dei protagonisti e non affidato ai freddi indici statistici.
E’ da queste premesse che parte il lavoro prodotto dalla Rete Studenti Medi di Taranto, Martina Franca e Cisternino, che attraverso un questionario on line restituisce la voce alle migliaia che sotto le mentite spoglie dell’alternanza scuola-lavoro, oppure nel circo del lavoro stagionale, sono venuti a contatto con occupazione che lavoro non è.
Il questionario “Incazzati a nero” sarà presentato, insieme ad alcune testimonianze di sfruttamento giovanile, venerdì, 13 maggio, alle ore 10.30 nella sede della CGIL, in via Dionisio.
“Stiamo svolgendo questa indagine – dicono i referenti degli studenti – per capire quanto i giovani conoscano i propri diritti e l’entità della precarietà giovanile in una Regione, la Puglia, che basa molta della sua economia, dal turismo all’agricoltura, sullo sfruttamento dei ragazzi.
Siamo sfruttati e bersagliati di critiche, lavoriamo di più e peggio dei nostri genitori, ma con meno consapevolezza”, affermano.
Durante la conferenza stampa prenderanno la parola, una studentessa/commessa e uno studente/rider, e loro stessi presenteranno il questionario on line.
Parteciperanno alla conferenza stampa anche Daniele Simon, segretario del NIDIL CGIL, Angela Dragone, segretaria generale della FLC CGIL di Taranto e Giovanni D’Arcangelo della segreteria provinciale della CGIL di Taranto.

Redazione Corriere di Puglia e Lucania 

Corriere Nazionale

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento, grazie!
Inserisci il tuo nome qui, grazie

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.